Passa ai contenuti principali

SCELTE - un racconto

SCELTE

- Ottima scelta. Glielo incarto.
La commessa si allontanò con il suo fagotto, muovendosi sicura tra i manichini e i cassetti trasparenti, con le antine ben chiuse a chiave.
Matilde si guardò intorno, indecisa se seguirla o meno. Forse avrebbe dovuto aspettare lì? Si sollevò sulla punta dei piedi, dov'era la cassa? Ah, già. Le era passata accanto, entrando. Si mosse, calpestando idealmente la scia di profumo di fiori della ragazza.
Nel negozio i clienti si aggiravano furtivi, come se il solo fatto di aver deciso di entrare li rendesse riprovevoli agli occhi degli altri.
A Matilde questo non importava, non molto comunque. Ormai aveva fatto la sua scelta. Il problema, semmai, era che non si sentiva affatto diversa, eccitata o anche solo un po' sollevata. Era la solita se stessa, un po' esitante, infelice, avviluppata in una noia immotivata e solida come una ragnatela. Si domandò se non avesse fatto un errore mentre la commessa le rivolgeva un sorriso bianchissimo, il suo acquisto impacchettato in una graziosa confezione.
- Come intende pagare?
Matilde fece scivolare il manico della borsa dall'avambraccio alla mano. La posò sul bancone, aprendola. Un rivolo di sudore le bagnò l'occhio destro e lei si sistemò gli occhiali, lasciando una macchia opaca sulla lente che la fece lacrimare.
- Contanti - rispose, porgendo alla commessa la mazzetta compatta di banconote, tutto ciò che aveva in deposito, ritirato quella mattina presto. Dopotutto, quel denaro non le sarebbe servito più.
La ragazza annuì, liberò il fascio di banconote dall'elastico e le inserì in una macchina contasoldi. Il fruscio del denaro che veniva contato ricordò a Matilde un serpente a sonagli che aveva visto una volta, in un documentario. I serpenti la terrorizzavano. Eppure provava anche una specie di fascino mostruoso quando le capitava di vederli in tv. Forse era per questo che aveva scelto quel tipo di morte tra le tante proposte, alcune anche in saldo. O forse tutta la sua vita non era stata altro che un lungo percorso inevitabile, con ogni pezzettino messo in fila come mattoncini di un gioco per bambini perché arrivasse a quel punto.
- Grazie. Buona giornata - la commessa le consegnò lo scontrino.
Matilde pulì la lente sulla maglietta e prese il pacchetto. Era più pesante di quanto ricordasse. Si avviò verso l'uscita, poi ci ripensò e si voltò. La commessa manteneva inalterato il suo sorriso. Lei strinse il pacchetto contro il seno.
- E per... per il cambio?
- Una settimana. Ma vedrà, non ce ne sarà bisogno.
Matilde annuì e la ringraziò. Nessuno badò a lei mentre lasciava il negozio; attraversò di corsa la strada e, in breve, fu assorbita dalla folla.

Commenti

  1. Adoro questi piccoli racconti che posti ogni tanto! Li trovo sempre attuali, una lettura da cinque minuti che però ti lascia con una strana sensazione e fa riflettere.
    Anche questo, inquietante ma potente, complimenti.

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…