Passa ai contenuti principali

Il cilindro. Racconto

Avevo scritto questo racconto per un concorso letterario (questo), che poi però mi è passato di mente. Visto che un po' mi dispiace lasciarlo nel computer a soffocare nella polvere, ho pensato di fargli prendere aria, appeso a questa finestra che è il blog.
Il protagonista della storia è... oh, credo sia abbastanza facile da immaginare :)
Buona lettura!




IL CILINDROdi Federica Leonardi
Il fruscio della stoffa contro la porta annuncia il suo rientro.
Si toglie il cappello con un breve, strafottente inchino e lo getta sul sofà. Cade a terra, il cilindro un po' ammaccato.
Lei: "Dove sei stato?"
Non le risponde e aggira il divano lasciandosi sedere sulla poltroncina accanto al camino. Lei riattizza il fuoco e poi si alza per togliere da terra il cilindro. Lo tiene tra le mani per la tesa, lo ruota, lo annusa. Lui allenta il cravattino e sgancia un bottone della camicia dal colletto rigido.
"Dove?"
"Sai che non devi chiedermelo."
Sì, annuisce, lo sa.
"Vuoi del vino?"
"Cognac."
Porta il cappello con sé. Lo posa giusto il tempo di preparare il drink.
"Quanto?"
"Quanto basta."
Due dita di liquore finiscono nel calice a tulipano e glielo porge prima di tornare a sedersi, il cappello appoggiato sulle ginocchia come una specie di strano animale. Lo fissa, lo scruta ma non riesce a vederlo. Lui beve e la ignora, il fuoco crepita, una scintilla sfugge dalle fiamme.
"È venuto l'ispettore."
Si china verso di lei, come se la vedesse per la prima volta. Si è tolto solo uno dei due guanti.
"Cosa voleva?"
"Parlarti."
"E cosa gli hai detto?"
"Che saresti tornato tardi."
Il cilindro è ammaccato e sporco. E ha un odore strano, sempre quell'odore.
"Me lo dici dove sei stato?" supplica. Ma lui è pietra e scuote la testa dopo aver finito il suo liquore. "Devi smetterla di chiedermelo."
Un ciocco di legna ormai carbonizzato si spezza in uno squittio di scintille.
"Vado a lavarti il cappello" sospira lei, alzandosi mesta. Raggiunge la porta e poi ci ripensa, si ferma, si volta: "Dammi anche il paltò, Jackie, o il sangue si incrosterà."
Ubbidiente lui sfila il soprabito e glielo porge. Lei attende per un istante, seguendo con lo sguardo e con il tatto gli orditi e le trame della stoffa e le macchioline scure e dense e appiccicose che punteggiano la stoffa.
"La polizia tornerà anche domani, vero?" chiede con appena un accenno di tremito nella voce.
Non può vederlo, ma sa che sta sorridendo: conosce ogni sua espressione, ogni suo desiderio, ogni sua perversione. Eppure, il filo che la lega a lui è così solido che non può smettere di amarlo. "Sì, mamma. Temo proprio di sì" le risponde mentre lei si tira dietro la porta, facendo appena un po' di rumore. 
Buon fine settimana ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Quel "Jackie" ha reso tutto ancora più macabro! Comunque è un peccato che sia così breve, mi stava prendendo tanto, poi però all'improvviso è finito. Davvero molto bello comunque, complimenti!

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…