12 dicembre 2015

5 libri per... (3) audaci esploratori

Buon sabato, cari esploratori di librerie vetuste e polverose.
Siamo al terzo appuntamento con i 5 libri per...  rubrica pensata per sollevarvi un po' dall'ansia per le corse ai regali natalizi. 


Stavo pensando, visto che la rubrica sembra piacere, di continuare a pubblicarla una volta chiusa la parentesi natalizia. Magari trasformandola in un appuntamento mensile e non più settimanale (che, diciamolo, a gestirla ogni settimana è un bell'impiccio XD). Vedremo.

Per il momento, concentriamoci sul presente. I cinque libri di oggi sono pensati per la categoria dell'esploratore: un lettore che ama viaggiare con la fantasia e non solo.

Ecco cosa sceglierei per lui.



CUORE DI TENEBRA - Joseph Conrad
Quasi scontato, direi. In Cuori di tenebra il viaggio di Marlow alla ricerca del capitano Kurtz nel cuore dell'Africa nera, non è soltanto un'esplorazione "fisica" di luoghi e ambienti sconosciuti ma è anche la ricerca di una spiegazione all'esistenza umana. Quel tendersi verso l'infinito che ci accomuna, la consapevolezza della mortalità dalla quale costantemente tentiamo di fuggire e l'orrore, soprattutto l'orrore, che permea tutto e che è quel buio, quella tenebra, dalla quale proveniamo e verso la quale siamo tutti condannati a tornare. In mezzo c'è l'Africa del passato, quella delle grandi esplorazioni; ci sono la schiavitù e lo sfruttamento di uomini ridotti a qualcosa di meno di un animale: oggetti da utilizzare fino alla rottura e da abbandonare sotto un albero, in attesa che muoiano, per poi essere rimpiazzati da altre "cose" munite di braccia e gambe e alle quali si vorrebbe negata la proprietà di un'anima e di una mente.
Per il  lettore che... vuole vivere l'avventura senza rinunciare alla riflessione.



IL VAGABONDO DELLE STELLE - Jack London
Romanzo che è finito in libreria grazie a uno swap (a proposito: perché non ne organizziamo uno?) Il vagabondo delle stelle è forse uno dei romanzi meno noti di London, ma anche uno dei più "corposi". Qui il viaggio è quello dell'anima e uno dei temi portanti è quello della metempsicosi. E solo l'anima può viaggiare in questo romanzo, visto che il protagonista, Darrell Standing, si trova in carcere (a San Quentino, per la precisione), detenuto in isolamento per l'omicidio di un collega. 
I viaggi di Standing sono reminescenze delle vite passate, ricordi che lo consolano durante le interminabili ora passate stretto nella camicia di forza, obbligato al silenzio e all'immobilità da secondini che non si fanno scrupoli di tormentare lui e gli altri due detenuti le cui celle sono attigue a quelle di Standing. 
Nel romanzo, oltre a quello della libertà intesa come stato dell'anima, prima che fisico, London tratta anche i temi della crudeltà del sistema carcerario e quello della pena di morte.
Si tratta di un romanzo crudo, violento e denso. C'è un continuo rincorrersi tra episodi del presente di Standing e quello delle vite che ricorda (o crede di ricordare). Una lettura impegnativa ma di grande valore, di quelle che stritolano il cuore, con un finale tra i più belli mai letti.
Per il lettore... che non ha paura di esplorare le zone più oscure dell'animo umano.



LA BAMBINA CHE AMAVA TOM GORDON - Stephen King
Perdersi. Viaggiare è anche questo. Esplorare luoghi sconosciuti, che all'apparenza sembrano innocui, e che invece basta un niente per trasformarli in inferni dove anche una bacca può ucciderti.
La bambina che amava Tom Gordon è Trisha McFarland che un giorno si perde nel bosco, mentre la mamma e il fratello sono troppo impegnati a litigare per accorgersi che lei si è allontanata, quel tanto che basta per non trovare più la strada principale. Una favola moderna con un'eroina giovane e forte. Un Pollicino in chiave kinghiana, anche se l'orrore qui è tutto terreno e, se non lo è, è frutto della mente di una ragazzina sottoposta a sforzi, ferite e privazioni terribili. La bambina che amava Tom Gordon è una di quelle storie da leggere nei momenti di sconforto, quando ogni strada ti sembra sbagliata e, se guardi indietro, hai l'impressione di aver imboccato sempre il bivio peggiore. Ma solo perché, voltandoci, le cose le vediamo al contrario.
Per il lettore che... vede la vita come un'enorme foresta da attraversare.



IL VILLAGGIO DELLE SIRENE - Carlton Mellick III
Esplorare, si sa, è un'affare da tipi intrepidi e spesso molto strani. E la bizzarria è una delle "doti" che, di norma, contraddistingue gli esploratori più tenaci. Con queste premesse, Il villaggio delle sirene è un'opera bizzarra al punto giusto. Anzi, oltre il punto. 
Esploreremo un'isola che è una riserva protetta e territorio di caccia delle sirene antropofaghe di Mellick III; creature che hanno poco o nulla da spartire con le mezze-umane dei fantasy moderni. Queste puzzano di pesce e hanno denti che farebbero l'invidia di uno squalo bianco. Ma c'è dell'altro: ci sono equilibri che vengono spezzati, uomini ridotti a "bocconcini" per sirene e tritoni che...
Un romanzo breve in cui nulla è dato per scontato e che gioca meravigliosamente con le ibridazioni e le mutazioni, con una sana dose di amor-per-lo-splatter che non guasta mai.
Per il lettore che... ama raccogliere bizzarrie durante i suoi viaggi.



FUORI DI 3 - Pamela Gotti
Tra i viaggi possibili, quello interiore è tra i meno praticati al giorno d'oggi. Come se ne avessimo paura. Eppure, nessuna esplorazione dà mai tanta soddisfazione quanto quella che ci fa rivolgere al nostro subconscio. Chi siamo? E siamo sicuri di essere chi pensiamo di essere? Fuori di 3 è un doppio viaggio (come Cuore di tenebra, e così chiudiamo il cerchio) di un uomo che pensa di essere ciò che non è: un uomo che ha una missione che ha dimenticato. [Per la recensione completa, leggete QUI]
Per il lettore che... crede che viaggiare sia un modo per cercare se stessi.

Ed ecco i miei 5 libri per... audaci esploratori.
Cosa ne pensate?
Sono curiosa di leggere i vostri commenti! E, come sempre, Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

2 commenti:

  1. Questa rubrica è davvero interessante (ma forse te l'avevo già detto! Ma pazienza... tanto finché sono cose positive va bene anche se le si ripete, no? ;) ). Non ho letto nessuno dei libri che hai consigliato, ma sembrano tutti interessanti :)

    RispondiElimina
  2. "Cuore di tenebra" e "La bambina che amava Tom Gordon" sono due libri che ho letto tempo fa e mi sono piaciuti tanto. Non conoscevo il romanzo che hai citato di Jack London, mi piacerebbe leggerlo :)

    RispondiElimina

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥