Passa ai contenuti principali

Segnalazione. IL SIGNOR W. - LaPiccolaVolante

Prima o poi doveva (ri)accadere e torno a utilizzare il blog per qualcosa di personale che, però, spero sia per voi altrettanto interessante. 
Dopo sette stesure e revisioni, e riscritture... il mio primo romanzo è finalmente nato. Ancora pochi giorni, e Il signor W., un horror dalle decise sfumature weird, sarà materialmente disponibile. Ma io già ve ne parlo con l'emozione di una madre che ha appena visto suo figlio fare i primi passi.

E in fondo è proprio così che percepisco ogni cosa che scrivo, che sia un racconto o una storia più lunga: sono piccoli figli di carta e inchiostro, di parole tatuate su pagine fisiche o virtuali e contengono sempre una parte di me, delle mie speranze o (come in questo caso) delle mie più profonde paure.

E allora, ecco W., un romanzo nato per caso, da un racconto scritto per uno dei giochi di scrittura indetti da LaPiccolaVolante. Una storia che ha subito una serie notevole di metamorfosi in corso di scrittura e rilettura fino ad arrivare a questa imago.

IL SIGNOR W.
Federica Leonardi
LaPiccolaVolante
394 pg
14,00 €
Ebook a breve disponibile
Link per il preordine

La bella cover è un'opera
di Laura Saddi
SINOSSI. Un uomo senza attrattiva e senza vita sociale, il signor W. trascina le sue giornate nella monotonia di una vita fatta di abitudini e gesti sempre uguali, rintanato nell'immenso appartamento che occupa l'intero quarto piano del Whateley, uno dei palazzi più antichi della città. La sua unica amica è Samia, la figlia del titolare del minimarket che bazzica ogni pomeriggio, per acquistare la solita spesa. La sua ossessione, le falene. Abbandonato da entrambi i genitori, W. coltiva il suo piccolo hobby da collezionista nello studio in fondo al corridoio. È sempre stato un tipo strano, il signor W., lo sa bene Giorgio Kaminski, il suo insopportabile vicino di casa. Un uomo taciturno, schivo, che forse nasconde un segreto.
Finché, nei tre giorni che precedono il suo trentesimo compleanno, accade qualcosa che muta il percorso perfettamente lineare della sua esistenza. Qualcosa, nascosta nel palazzo, si risveglia affamata di vendetta nel giorno della Luna di Sangue.

W. inaugura la nuova collana horror di LaPiccolaVolante e, come dicevo all'inizio del post, è nato come scommessa, senza preavviso. 

È un horror-weird, ovvero una storia dell'orrore che mescola al suo interno tematiche che lo avvicinano più alla narrativa fantastica fatta di suggestioni, terrori che provengono da spazi limitrofi, creature mostruose e aliene che attendono, nascoste, il momento del trionfo. 

Il romanzo è, anche ma non soltanto, un omaggio a quegli autori che hanno contribuito a costruire il mio universo immaginario, che mi hanno regalato ore di puro piacere nei pomeriggi passati a leggere le loro storie. In Il signor W.  Lovecraft si mescola a Poe, ma sono l'entomologia (e l'entomofobia) e la ricerca disperata dell'amore, gli assi portanti dell'intera vicenda.
Una storia in cui il terrore striscia e schiocca in una città dal volto antico, in un incedere ora lento, ora rapido come il battito d'ali di una falena. Un racconto originale in cui horror, thriller e fantascienza generano una storia in cui i punti di riferimento si fanno fluidi e oscuri proprio come il liquido nero che invade la città di W.[Dal comunicato stampa]
Una menzione speciale la merita Laura Saddi, autrice della cover del romanzo, che è riuscita, leggendo solo la bozza di una delle primissime stesure, a rendere al meglio W., la sua doppia anima e quel suo essere creatura al tempo stesso affascinante e inquietante. In questa cover, tra falene, il protagonista in primo piano, quell'edificio che si vede in lontananza e la desolazione che riempie gli spazi c'è metà romanzo.

Nei prossimi giorni ve ne parlerò (anche perché Il signor W. sarà l'oggetto del prossimo giveaway del blog) cercando di non rubare spazio alle segnalazioni e alle recensioni e alle altre rubrichette che sono il motore del blog.

In ogni caso, spero che vi sia venuta una discreta curiosità sul mio W.

Se volete parlarne, sapete dove trovarmi ;)

 E, come sempre, Buone letture.

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Ciao Federica! Mi sono semplicemente innamorata del tuo libro! La cover è stupenda, la trama mi piace da morire, e poi l'amore e la cura che ci hai messo per far nascere la tua creatura, mi ha colpito moltissimo! Ti faccio tanti tanti auguri e un grosso in bocca al lupo per il futuro! Un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…