Passa ai contenuti principali

Piccole Storie #1

Piccole Storie è la rubrica ideata da me e a cadenza... senza cadenza ^_^" dedicata ai più piccoli. Libri e racconti per l'infanzia, da leggere a o con i nostri futuri topini di biblioteca ♥

Buondì :3

Nel primo appuntamento con questa nuova rubrica, Sammy mi ha suggerito di parlarvi di Dart Fener e figlio, di Jeffrey Brown.


TITOLO: DART FENER E FIGLIO
AUTORE: Jeffrey Brown
EDITORE: Panini comics
ANNO: 2013
PAGINE: 64, col.
PREZZO: 9,90€
eBOOK: no


Da appassionata di Guerre stellari, non potevo lasciarmi scappare l'occasione di iniziare Sam al lato nerd della lettura :) 

Dart Fener e figlio è una sorta di  "dietro le quinte" del rapporto padre/figlio più spoilerato della storia del cinema. [Tanto lo sapevate che Dart Fener è il padre di Luke Skywalker... no? >:P]

Come si sarebbe comportato Darth Vader con il giovane Luke Skywalker? Ecco, Jeffrey Brown è abilissimo nel trovare la risposta, una risposta spiritosa, mettendoci in mezzo citazioni dai film della saga e un umorismo a portata di bambino.


Luke è, ovviamente, un vivacissimo e indisponente bambino di cinque anni, un po' petulante e viziato da un Darth Vader che non fatichiamo a immaginare "signore oscuro" e papà divorziato, alle prese con un figlio che "ha del potenziale" anche se poi usa la forza per rubare i biscotti dalla dispensa ^_^

Così i bambini ridono e gli adulti (adulti nostalgici, quelli che una volta l'anno si sparano la "maratona Star Wars" rimanendo incollati alla tv dall'alba al tramonto e facendo finta che L'attacco dei cloni sia un bel film) versano qualche lacrimuccia (come quando, ad esempio, Un preoccupatissimo Dart Fener medica un taglietto sulla mano destra del figlio -la stessa mano che...). 

L'umorismo di Brown, dicevo, è una comicità molto naif, quasi infantile, che ben si sposa con il tema trattato e che non è in contrasto neanche con il personaggio di "papà" Dart Fener che, come cattivo, è il bersaglio comico per eccellenza.

Molto belle le illustrazioni, che sembrano colorate a cere e pastelli, il che le rende ancora più "infantili" e adatte al pubblico di lettori da cinque anni in su.

Insomma, secondo me (e secondo il giovane padawan Sam) è un albo che val la pena di regalare e leggere :)

Voto: 

Alla prossima!

Commenti

  1. Io adoro leggere libri per ragazzi o bambini *-*
    E devo dirti che ogni volta che li leggo penso 'Questo lo voglio leggere a qualche piccino'.
    Se mai sarò mamma penso che farò diventare scemi i miei figli con tutte le storie che gli leggerò ahahhhaahha

    RispondiElimina
  2. Tanto love. Sono noiosa se ti dico che tutti gli altri di Brown sono stupendi??? :D

    RispondiElimina
  3. E bravo Sammy, ha già un sacco di buongusto! *___*

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…