Passa ai contenuti principali

Il piccolo segreto del signor W. - racconto

Quelli di La Piccola Volante sono sempre al lavoro, sapete? L'ultima disfida di scrittura si intitola 5 piccole pessime abitudini
Cosa pensereste se vi dicessi che ognuno di noi ha in sé i germi dell'apocalisse? Ebbene sì: 5 piccole pessime abitudini che, se accumulate tutte assieme nel corso di una stessa giornata possono far finire il mondo; è stato questo il filo conduttore per la scrittura dei racconti in gioco in questa nuova sfida.

Vi lascio il link al mio racconto, dopo un breve incipit di incoraggiamento ^_^, e poi leggete anche gli altri: leggere fa passare più velocemente i martedì scontrosi ;) Buon martedì!


Pioveva.
Anche se non c’era nemmeno una nuvola in quel pallido, azzurrino cielo di inizio febbraio, nemmeno uno sfilaccio di cirro a sporcare l’aria.
Il signor W. fece girare la chiave nella toppa, buttò a terra busta e valigia e si lasciò cadere, esausto, sulla poltrona di pelle marrone, aspettando che quel brivido che provava ogni volta che sentiva la pelle della poltrona scricchiolare sotto il suo peso passasse via da solo.
Con gli alluci fece leva sul tallone, i mocassini neri lanciati con un calcio fluido, uno a destra, l’altro a sinistra, lontano, nell’ampio, immenso salone dagli angoli inesplorati.
Dalla finestra poteva vedere il sole che colorava di verde raganella il cielo. Eppure l’acqua scrosciava e non riusciva a capire perché.
-Signor W., che diavolo! Apra la porta!
Belli, il vicino del piano di sotto; lo riconobbe dalla consueta grazia con cui batteva sul portoncino dell’ingresso. Avesse avuto due martelli al posto delle mani, avrebbe fatto meno chiasso. Il signor W. si alzò con sofferenza dalla poltrona, ricacciando indietro il fastidio provocato da quel cigolio di pelle che si riassestava, mentre i colpi alla porta si facevano più insistenti. Un colpo, un’imprecazione, due colpi, una inarticolata richiesta di attenzione, un colpo…

Leggi il seguito 

Volete partecipare anche voi? Seguite la piccola volante su Facebook: entro il 15 febbraio potete partecipare con una vostra storia al "fuoribordo" Fate :D

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…