Passa ai contenuti principali

Poco prima dell'alba - racconto


Buondì.

Visto che è da un po' che non ne posto uno, oggi vi lascio la prima parte di un mio racconto appena pubblicato nell'arena LPV per il gioco di scrittura dedicato agli yokai, i demoni giapponesi (anche se detta così è un bel po' riduttiva come spiegazione, ma ce la faremo bastare).


Si tratta di un racconto che, nonostante alcune cose andrebbero risistemate, mi è piuttosto caro perché ha per protagonista un personaggio che troverete nel prossimo romanzo sul quale sto lavorando in questi giorni.

Intanto, beccatevi il racconto :)
POCO PRIMA DELL'ALBA


La ragazza strisciò accanto alla veste che il comandante le aveva strappato di dosso prima di trascinarla sulla branda. Si strofinò le braccia tumefatte e sottili, come sottile era il suo corpo. Esile quanto quello di un uccellino, brunito come la terra limacciosa del fiume quando il sole del mattino leccava i suoi argini. E con un nome di uccello, “pettirosso”, la chiamavano nell'accampamento. Un nome che aveva sostituito il suo e il cui suono aveva imparato a riconoscere, senza capirne il significato: un marchio, come la targa attorno al collo, come il tatuaggio che le era stato impresso nella carne con polvere di piombo. Anche il suo cuore era ormai marchiato. Il cuore che temeva Ammit avrebbe divorato perché irrimediabilmente più pesante della piuma di Maat. Ma forse, pensò in quel momento – e il pensiero la spaventò – il suo ba non avrebbe incontrato nessun dio alla sua morte. Nessuno le avrebbe aperto le porte del Duat perché non ci sarebbero state porte da aprire e gli occhi della sua anima si sarebbero dischiusi su nient'altro che tenebre, nella buia oscurità della notte senza fine. Subito scacciò il pensiero e si rannicchiò accanto alla veste di stoffa leggera. L'unica cosa che fosse sua. Così come la fede negli dei della terra da cui era stata strappata era tutto ciò che le restava. Tutto quello che le faceva sopportare le ossa rotte e i denti scheggiati e il ventre in fiamme e lo zigomo spaccato che gocciolava piano piano sangue che, alla luce delle lucerne, appariva ora più viola che rosso. 
Afferrò la veste con le mani tremanti; le unghie di alcune dita le erano state strappate poche settimane prima e ancora mostravano la pelle sottile e livida sotto la quale scorreva il suo sangue furioso e impotente. Si morse il labbro al ricordo della punizione per aver colpito un soldato e del dolore provato mentre le tenaglie le artigliavano le unghie facendole saltare via come nel gioco che lei e Leandro avevano giocato tanti anni prima, sotto l'ombra tra le colonne del Serapeo. Scrollò le spalle, sollevò la tunica e, con un gemito, si accorse dello strappo. La parte anteriore della tunica ricadde, come petali di un fiore sciupato, in due lembi irrimediabilmente divisi. Come divisi erano lei e Leandro. Una schiava, l'altro morto nel circo e del quale non le restava che un ricordo sbiadito, l'immagine di dischi sovrapposti che formavano vagamente la sagoma di un volto umano. Leandro il cui cadavere giaceva in qualche canale, il ventre squarciato e gli occhi strappati dalle cornacchie.

Stava piangendo e non voleva farlo, non avrebbe voluto dare a quei barbari anche quella soddisfazione. Ma non riusciva a impedirlo.
Il comandante le venne vicino e il suo corpo la sovrastava. La ragazza lo fissò di rimando, gli occhi verdi dai riflessi d'ambra che risaltavano nel volto abbronzato, lo sguardo offuscato dalle lacrime, dalla paura e dall'odio.


Sono curiosa di sapere le vostre impressioni :)
Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Interessante iniziativa quella di scrivere un racconto ispirato alla tradizione giapponese degli yokai! peccato non averlo saputo prima: avrei volentieri provato a cimentarmi. Conosco diversi yokai ma non sapevo del'esistenza di un demone-pettirosso (sempre che sia stato un demone-pettirosso la tua ispirazione)...
    Anyway... sei stava bravissima ad esprimere tutti questi sentimenti in così poche righe! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Danke :) Oh, in realtà mi sono ispirata al tengu (non credo esistano demoni-pettirosso, ma magari mi sbaglio).
      Ti consiglio spassionatamente di dare un'occhiata al portale di LPV, perché i giochi di scrittura vengono riproposti ogni mese e la trovo un'ottima palestra per affinare la punta della penna (che a fare la punta alla tastiera risulta un po' difficile :))

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…