Passa ai contenuti principali

MiniRecensione. IL FIGLIO - Lois Lowry

Quarto e ultimo volume della tetralogia della Lowry ambientata in una distopia dove nulla ha colore e ogni cosa è prestabilita alla nascita, Il figlio è un romanzo che, se da un lato permette al lettore di dare finalmente una risposta alle domande lasciate aperte dalla conclusione di The Giver - Il Donatore, dall'altra non soddisfa pienamente e apre un gigantesco what-the-fuck narrativo quando, alla distopia "meccanica" della città si sovrappone una deriva fantasy che proprio non avrebbe dovuto esserci.
Titolo: IL FIGLIO
Autore: Lois Lowry
Traduttore: Sara Congregati
Editore: Giunti Y
Anno: 2012

Ma procediamo con ordine.
Claire ha solo dodici anni quando le viene assegnato il ruolo di Anfora: porterà in grembo i "prodotti", i nuovi cittadini che, dopo il primo anno di vita, verranno assegnati alle Coppie che se ne prenderanno cura fino ai dodici anni. Ha sempre funzionato così nella città. Ma qualcosa non va durante la nascita del primo figlio, il primo prodotto, e Claire, bendata e legata al lettino come da prassi, subisce senza preavviso un'operazione che comprometterà per sempre il suo ruolo all'interno della comunità. Dimenticata e con un profondo senso di colpa per aver fallito il suo ruolo, Claire viene riciclata come operaia nell'allevamento ittico. Ma il pensiero di suo figlio, il desiderio per quel bambino che aveva dentro di sé e del quale non sa nulla continuerà a tormentarla finché un'infermiera non le rivelerà per errore il numero assegnato al piccolo appena nato...


Sarebbe morta, si rese conto, pur di non rinunciare all'amore che provava per suo figlio (p. 116)
Per i primi due terzi si tratta di un romanzo entusiasmante, sia per la forza dell'amore che Claire prova per il piccolo Gabe e che la Lowry riesce a trasmettere al lettore attraverso una prosa dolce, scorrevole e lineare, sia per quella solitudine che la ragazzina, ormai adolescente, prova e che senti un po' tua. Claire, che non prende le "pillole" da tempo e della quale nessuno sente di doversi occupare, è la creatura più sola della comunità. Ma anche quella più consapevole nonostante sia evidente che non sia mai stata considerata particolarmente intelligente tanto da essere stata scelta per un ruolo "di ripiego".

Così, tutta la prima parte del romanzo si fa leggere con entusiasmo e trascina il lettore negli stati d'animo di Claire, nella sua lotta silenziosa per riprendersi un figlio che sente di amare con tutta se stessa.

Poi arriva un evento che ne stravolge la vita: Gabe viene rapito dal figlio dell'operatore che se ne occupava (e chi ha letto The Giver a questo punto dovrebbe aver fatto 2+2) e Claire, nel tentativo di riportarlo a sé, finisce priva di memoria su una spiaggia abitata da una comunità di pescatori ferma, a occhio e croce, al medioevo.

E già qui la sospensione della realtà ha un primo colpo. Perché all'improvviso ti trovi in una realtà completamente anacronistica rispetto al mondo che avevi immaginato. 
Tuttavia, con un grande sforzo si riesce a riavviare il motore della credulità e ad andare avanti. Claire cresce e impara cose che fino a quel momento aveva ignorato ma, soprattutto, a mano a mano che gli anni passano, Claire ricorda. E il ricordo di suo figlio perduto e necessario torna a tormentarla finché non decide di scalare un'impervia scogliera per affrontare il mondo e proseguire la sua ricerca.
E qui, dopo la bella scena della scalata, davvero ricca di pathos, ci troviamo di fronte al secondo e definitivo wtf quando ci compare in mezzo ai piedi il Direttore del baratto, personaggio quantomeno interessante ma la cui impronta soprannaturale stravolge completamente la storia. 
Da questo momento in poi, mentre la trama tracima nella metafisica e nel fantasy spinto, il romanzo arranca come una vecchia macchina scassata verso un finale pieno di speranza, sì, ma che lascia il lettore con la sensazione di aver letto qualcosa di mal costruito, come un puzzle assemblato con tessere appartenenti a tre diversi giochi.

Per me è stato un grosso Nì.

Voi l'avete letto? Che ne pensate?

Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Mi spiace non ti sia piaciuto.. a me è piaciuto molto e l'ho trovato adatto a chiudere la serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede :) Oh, ma il libro in sé, tutta la parte di Claire nella comunità e poi del suo esilio nel paese dei pescatori mi è piaciuto (quella frase penso che prima o poi me la farò tatuare, perché è ciò che pensi appena stringi tuo figlio tra le braccia la prima volta ♥)
      Tuttavia, l'inserimento del Direttore del Baratto, la parte sul male puro e sui poteri... quella proprio mi ha spiazzato. L'ho percepita troppo come un deus ex-machina. Senza il DoB Claire, in fondo, non avrebbe mai trovato Gabe.
      La cosa in assoluto che ho apprezzato del libro è stata, però, sapere finalmente (è stato un bel trauma accettare che The Gift finisse in quel modo X°D) che caspita di fine avessero fatto Jonas e Gabe.

      Elimina
  2. Ciao :) a me the giver non ha convinto quindi ho deciso di non proseguire con la serie...so che a molti è piaciuto ma a me proprio non mi ha emozionato (bella l'idea sicuramente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eika, anch'io, dopo quel finale ero intenzionata a non leggere più altro. Però quella distopia mi intrigava parecchio e, cavolo, volevo davvero sapere cosa fosse accaduto a Jonas perché sono sì una fan dei finali aperti, ma quello lo era un po' troppo X°D Ecco, il buono di Il figlio sta proprio in questo: molti nodi vengono al pettine, ma resta comunque l'impressione che l'autrice si sia impegnata ad arruffarsi i capelli ;) Grazie per essere passata.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…