Passa ai contenuti principali

Italian Book Challenge, NON È la solita sfida di lettura

Chi segue la mia pagina su Facebook già ne è stato informato, ma siccome gli antichi, che erano saggi, ci hanno tramandato il motto "repetita iuvant" oggi vi rubo qualche minuto per parlarvi di una sfida di lettura davvero interessante che esce dal solito circuito dei blog (:P) e si sposta, udite udite, in libreria.



Sì, avete letto bene e non sto dando i numeri; l'iniziativa in questione si chiama Italian Book Challenge e se siete animali sociali vi suggerisco di seguirla anche su Facebook

Ma vediamo un po' di cosa si tratta e come partecipare.
L'idea alla base è semplice, ed è quella classica delle sfide di lettura: una lista di libri da leggere in cinquanta categorie (la lista qui sotto)
problemi di vista? Clicca per ingrandire
E fin qui, parrebbe una reading challenge come tante. Se non fosse che questa ha come scopo quello di coinvolgere attivamente i librai indipendenti nella faccenda. Librai che, come denunciato qualche giorno fa, sono sempre meno e sempre più a rischio chiusura. 
Come? Qui in basso potrete trovare l'elenco delle trentacinque librerie che per il momento* hanno aderito all'iniziativa. Si spera che altri si aggiungano, magari su impulso di lettori-comunicatori.

*[AGGIORNAMENTO: nel frattempo le librerie che hanno deciso di aderire all'IBC sono aumentate. Per tutti i dettagli vi invito a consultare la pagina facebook dell'evento -linkino in alo]
clicca per ingrandire e vederci meglio

Funziona così: vi presentate nella vostra libreria di fiducia (e se non è presente nell'elenco andateci lo stesso e provate a vedere se vogliono aderire ;)), dite che volete partecipare alla #IBC e riceverete una cartolina con gli elenchi qui sopra. Per ogni libro che deciderete di acquistare legato alla sfida di lettura, il libraio rilascerà un timbro sulla casella corrispondente (e non occorre sia sempre lo stesso libraio, ma l'importante è che sia uno legato all'iniziativa). 
Ci saranno due manche, una locale e una nazionale:

Entro il 17 giugno riconsegnerete la lista e il 18, in occasione dell'iniziativa Letti di notte ogni libreria decreterà il vincitore locale, cioè quello che fino ad allora avrà collezionato più timbri, consegnandogli un premio. 

Le schede verranno riconsegnate e avrete tempo fino al 3 dicembre 2016 per completare la sfida. In quella stessa data, le schede andranno riconsegnate al libraio assieme a un elenco di libri desiderati (non libri legati alla sfida, ma titoli che da tempo immemore sono nella vostra wishlist). 
Una volta proceduto allo spoglio di tutte le cartoline, verrà finalmente decretato il vincitore nazionale, che riceverà come premio  da ciascuna delle librerie aderenti uno dei libri desiderati. 

Insomma: un bel pacco di libri. 

Ovviamente il mio suggerimento è di partecipare scegliendo titoli di editori indipendenti, in modo da premiare non soltanto i piccoli librai ma anche i piccoli editori.

Magari nei prossimi giorni vi posterò un mio personale suggerimento di lettura.

Che ne dite, non la trovate un'iniziativa interessante?

Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Ho letto la mail giusto pochi minuti fa!! Bellissima iniziativa, spero che qualche libreria indipendente di Cagliari aderisca *_*

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…