Passa ai contenuti principali

La metà esatta (11) - AMABILI RESTI, Alice Sebold

Buon mercoledì cacciatori di libri!
Ci sono libri che ti finiscono tra le mani per caso e altri che lo fanno al momento opportuno. È successa una cosa del genere per il romanzo che andremo a "sezionare" oggi, e sezionare è davvero il termine più adatto a introdurre Amabili resti di Alice Sebold.

Il film, immagino, lo conosciate tutti.
Ed è proprio dal film che l'idea di leggere il romanzo mi ha sfiorata parecchie volte, senza mai arrivare a una vera concretizzazione. Troppo pigra, forse, o forse non ero convinta al cento per cento che la storia di Susie fosse adatta a me, chissà. Fatto sta che non ho mai davvero avuto l'intenzione di comprarlo, se ne stava lì, tra i romanzi da "possibile Wishlist". Finché, lo scorso fine settimana, avevo cominciato Battle Royale di Koushun Takami, ma non era il momento adatto, arrancavo nella lettura e, quando succede, so che al 99% dei casi il problema è mio: non sono nello spirito adatto.
Così, torno a posarlo sul ripiano alto della libreria, quello dei "romanzi da leggere".
Solo che, degli altri titoli a disposizione, nessuno mi attirava. Vi è mai capitato? Avete una piccola libreria in casa ma niente, non c'è nulla che vi ispiri.

Poi, il miracolo (va be', non voglio esagerare, ma più o meno, in piccolo...) vado in edicola e scopro che l'edicolante ha messo in vetrina il suo personale angoletto dei libri usati a metà prezzo. E lì, tra le pagine ingiallite dal sole e gli angoli piegati, stava il romanzo della Sebold.


Mirabile coincidenza tra opportunità e stato d'animo.
L'ho preso, perché sapevo che non avrei potuto fare altrimenti, perché il mio umore in questo periodo è quello che si definisce melancholia e Amabili resti è un romanzo che ti costringe a piangere e a leggere e a stare male, tirando fuori tutto il malessere che senti esploderti dentro, tutta la tristezza che ti avviluppa, e tutta la solitudine che ti sta accoccolata in braccio come un grosso e peloso gatto persiano.

Ma del romanzo ve ne parlerò presto. Qui e adesso, vi lascio alla lettura della sua metà, e precisamente a pagina 208.

Buona lettura!





Li guardò, scrutandoli negli occhi. Tutti e due lo stavano seguendo. Volevano seguirlo. Non avevano piste, né un cadavere, né indizi. E forse quell'uomo strano aveva una teoria su cui si poteva lavorare. "Beh, chiunque sia stato, ho dedotto, doveva aver costruito qualcosa sottoterra, una specie di tana, e confesso che mi ci sono arrovellato e l'ho immaginata nei dettagli come faccio con le case di bambola, l'ho disegnata con un caminetto e gli scaffali, insomma, io sono abituato così". Dopo un silenzio, aggiunse: "Io ho molto tempo a disposizione".
"E ha funzionato?" chiese uno dei due agenti.
"Sono sempre stato convinto di averci visto giusto".
"Ma perché non ci ha chiamati?"
"Non sarebbe servito a restituirgli la figlia. Quando l'agente investigativo Fenerman è venuto a farmi qualche domanda, gli ho accennato ai miei sospetti sul figlio degli Ellis e alla fine sie è visto che mi sbagliavo. Non mi andava di intromettermi con un'altra delle mie teorie da dilettante".
Gli agenti si scusarono per il fatto che Fenerman gli avrebbe fatto visita anche lui l'indomani, probabilmente per esaminare le stesse cose: per vedere l'album da disegno, per sentire le sue ipotesi sul campo di granturco. Il signor Harvey accettò tutto come un cittadino ligio al dovere, nonostante fosse lui la vittima. [Amabili resti, Alice Sebold, p. 208, Edizioni e/o, trad. Chiara Belliti]

Sono curiosa di leggere i vostri commenti! E, come sempre, Buone letture ♥

Restiamo in contatto? InstagramTwitterGoodreadsFacebook

Commenti

  1. Un libro davvero speciale, mi era piaciuto un sacco!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia, l'ho finito proprio stamattina. è uno di quei libri che vanno letti al momento giusto. Per quanto mi riguarda, sono strafelice di aver aspettato. Lo recensirò a breve <3

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…