Passa ai contenuti principali

La metà esatta (2) - La faccia che deve morire

C'è chi si affida all'incipit e chi al finale per capire se un libro può fare o meno al caso suo. La cacciatrice di libri, invece,  li seziona al mezzo. Giusto un assaggio, senza spoiler, di un romanzo in lettura, quando la storia è già un bel po' sviluppata. E questo è La metà esatta 
Bentornati cacciatori di storie!
Il mercoledì è, lo sanno tutti, il giorno della settimana più stancante in assoluto. 
Forse perché è quello che sta proprio al centro della settimana. E il weekend è ancora lontano, e il lavoro ti ha già stressato da un po'.

Ed è per questo che penso che, in un giorno come questo, così "centrale", ci stia bene una rubrica che esplora i libri alla loro esatta metà ^_^

Quest'oggi potrete leggere un estratto dalla pagine 122 di La faccia che deve morire (The Face that must Die) di Ramsey Campbell, romanzo che viene pubblicato per la prima volta in italiano da Urania, nella collana horror. 


Si tratta di un romanzo che sto amando, anche se altri l'hanno decisamente detestato, a giudicare dai rating su GR. Ma la prosa di Campbell, qui nella traduzione di Annarita Guarnieri, è una delle migliori che mi siano passate sotto gli occhi negli ultimi tempi. Evocativa nel senso più "concreto" del termine: Campbell riesce a materializzare le immagini sul foglio, dote che, ahimè, non appartiene a tutti gli scrittori.

Inoltre l'introduzione dello stesso Campbell, una riflessione autobiografica sul come sia arrivato a scrivere The Face that must Die è, già da sola, una bella lettura, toccante e straziante.

Ma adesso, bando alle ciance e sotto con la citazione!

"Una delle ultime volte che gli aveva parlato aveva detto: - Credo che avrei potuto sopportarlo, se si fosse trattato di un'altra donna.
L'acqua cominciava a raffreddarsi. Si alzò, emergendo dall'oscurità in cui si era crogiolato, e sperò che quei ricordi defluissero dallo scarico che gorgogliava come una gola ferita. Daphne si era risposata? Non gli sarebbe piaciuto averle rovinato la vita.
Si avvolse nell'accappatoio. Si fece la barba e dopo si fece bruciare le guance con un po' di dopobarba Brut. "Oh, Bruto" pensò, deridendo la propria immagine riflessa. A chi poteva interessare quella vecchia faccia? Era piena di borse come il muso di un criceto."

Ramsey Campbell, Annarita Guarnieri, La faccia che deve morire, Urania Mondadori - p. 122


Cosa ne pensate?
Beh, spero vi sia venuta voglia di leggerne di più ;)

Aspetto i vostri commenti: alla prossima e buone letture!

Federica

Commenti

  1. Io adoro i titoli Urania, a volte sulle bancarelle trovo certa roba vecchia... eppure sono delle chicche snobbate da molti! Questo me lo segno, grazie della dritta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, anche io sono una patita di Urania da quando, in un mercatino, scovai Neanche gli dei di Asimov ♥ Questo di Campbell è borderline, non è sicuramente un romanzo di fantascienza, ma è il primo romanzo che sviluppa la psicologia di un serial killer. È una discesa infernale nella psiche malata di un uomo. Te lo consiglio davvero :) Grazie per essere passata

      Elimina
  2. Bel frammento, davvero. La prosa sembra davvero curata :)

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…