Passa ai contenuti principali

La Foglia Nera, Alen Grana - Segnalazione e intervista


Buongiorno!

Oggi vi segnalo l'uscita del secondo volume del piratesco scritto da Alen Grana e pubblicato da La Piccola Volante, La foglia nera.

Per l'occasione, ho fatto tre domande ad Alen, perché ci rivelasse qualcosa in anticipo su questo secondo romanzo (a proposito: a breve la recensione del primo I signori delle balene).

Ma, prima, la scheda del romanzo.


“Dopo i cannoni vennero i moschetti, i fucili e le lame degli uomini della Regina, sbarcati con le scialuppe per finire il lavoro”.


Titolo. La foglia nera
Autore. Alen Grana
Editore. La piccola volante
Anno. 2015
Pagine. 274
Prezzo. 14,00€
Ebook. si

“Cinque son le Orche, cinque ombre nere. Orche senza vele. Forche sopra al ponte,
sui fianchi mille bocche. Cancellano la notte e le potrai vedere.”

Fryg Blue è tornato. Il re dei pirati, ormai decaduto, accetta di rimettere in mare la Re Balena alla volta del nuovo nemico e del tesoro misterioso che ha dato inizio alla nuova battaglia. L'Impero è sotto attacco ed è stata la Regina di Foglie a dar fuoco all'innesco, decisa a piegare chiunque tenti di opporre resistenza alla sua avanzata. Nessuno sarà esentato dallo scontro. Siano essi pirati, streghe o imperiali. Una nuova avventura è appena cominciata per la ciurma del Re Balena.

BREVINTERVISTA ALL'AUTORE           

Ciao Alen e grazie per aver accettato di rispondere alle mie (in)discrete domande. Insomma, alla fine la ciurma del Re Balena è tornata davvero. E la curiosità è qui che mi mordicchia i talloni. Cosa puoi anticiparci di questo secondo volume, senza finire tra gli scogli degli spoiler?

Torna, torna! Ma sarà una ciurma mooooolto diversa da quella che avete avuto modo di conoscere nel primo volume. Ecco, sarei già in spoiler, giusto?! Che fatica non farsi scappare niente. Cooomunque… ne La Foglia Nera, questo secondo volume, ho voluto giocare ancora più in grande. Esce allo scoperto un Nemico con la N maiuscola e si allarga l’orizzonte di veduta su tutto quello che ruota attorno alle avventure di questi pirati. Nuovi luoghi, nuovi personaggi e nuove macchinazioni. E per chi segue i libri de LaPiccolaVolante ci sarà una bella sorpresa d’intreccio. Ovviamente non mancano i protagonisti del primo libro ma, dallo scorso finale, gli anni sono passati e… Ok, stop. O ci scappa il morto.

Ok, teniamo le bocche cucite. Però facciamo che ripaghi la gentilezza rispondendo ad un'altra domanda. Sappiamo che un padre non sceglie mai i propri figli, ma se proprio dovessi farlo, se fosse sull'asse pronto a finire in mare, per quale personaggio tiferesti? E perchè?

Questa è perfidia, vero?! Ammetto che è una delle domande più difficili alle quali rispondere. Ogni personaggio è un pezzetto di me: chi si è preso la cocciutaggine, chi l’ira, chi le battute (che sfortunato). Insomma mixando tutti i personaggi vengo fuori io. Nel primo volume era facile parteggiare per Will, il mozzo un po’ sbadato un po’ fortunato tramite cui seguiamo tutta la storia. Ecco, in questo nuovo volume il punto di vista sarà sdoppiato: Tork, giovane Capitano dell’Impero e Flint, nuovo mozzo nel gruppo di Fryg Blue. Nel secondo volume raddoppiano anche i personaggi presenti ma la vera anima è lui: il Capitano Fryg Blue. Per la sua crescita, i suoi tormenti e le sue idee. Perché incarna il capitano per antonomasia.

Così come nel primo capitolo, immagino ci avrai dato le tue indicazioni per la colonna sonora più adatta alla lettura di La Foglia Nera. A noi bastano tre titoli per cominciare ad addentrarci nelle acque di questa nuova avventura.

Vado con i titoli? Vado…

  • Temperance – Breathe (dall’album “Temperance”)
  • Alestorm - Drink (dall'album "Sunset on the Golden Age")
  • Ancient Bards - A New Dawn Ending (dall'album "A New Dawn Ending")

Tre pezzi molto diversi tra loro ma che mi hanno accompagnato bene nella scrittura de La Foglia Nera. Mi piace suggerire la colonna sonora della lettura proprio perché è la stessa che ho ascoltato nel periodo di lavorazione del libro. Dovrei fare un’analisi pezzo per pezzo ma, in alcuni casi, si capisce abbastanza bene quale brano abbia influenzato un dato passaggio e quale un altro.

E siamo ai saluti!

Ringrazio Alen per la disponibilità, noi ci si rilegge domani :)

Aspetto i vostri commenti!

E, come sempre,
Buone letture ♥

Commenti

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…