Passa ai contenuti principali

Go set a watchman, il ritorno di Harper Lee

[vedi anche alla voce: Harper Lee, il ritorno]
foto pubblicata dal profilo Twitter della @PenguinUKBooks
La notizia è di qualche tempo fa, ma a me piace proporre news un po' vecchiotte, ché magari vi era sfuggita la cosa e poi venite qui a dirmi: ehi, Federica, ma tu lo sapevi che la Lee... 

Dunque.

Pare È fuor di dubbio che la Lee si sia convinta a pubblicare un secondo romanzo. E, precisamente, il romanzo che teneva nel cassetto da cinquant'anni, dal titolo Go set a watchman e sequel del suo (attualmente) unico lavoro.

Probabilmente la maggior parte di voi saprà tutta la storia, ma ripeterla male non fa: quando pubblicò To kill a mockingbird aka Il buio oltre la siepe, pare che la Lee non si aspettasse tutto il successo che il romanzo le portò. In breve, ToKaM divenne un bestseller, le fece vincere il Pulitzer e venne opzionato per un film che si aggiudicò un Oscar.
L'autrice, visibilmente travolta da quel marasma di gente che voleva leggere le sue cose e strapparle pezzi di vestito, decise che nascondersi in casa e far perdere le proprie tracce fosse la cosa migliore da fare.

Fu così che Go set a watchman venne buttato in un cassetto e dimenticato.

Fino a qualche mese fa quando, rovistando tra gli effetti personali della Lee, una sua amica trova il manoscritto di Go set sotto un dattiloscritto originale di To kill. L'editore si scioglie in migliaia di rivoli di lacrime e ipotesi di bissare il successo del primo romanzo e decide di pubblicarlo as it, così com'è.

Secondo le notizie diffuse in rete, in Go set a watchman ritroveremo alcuni dei personaggi del primo romanzo; protagonista sarà ancora una volta Scout, la figlia di Atticus Finch, ormai adulta, che torna a Maycomb per far visita a suo padre e dovrà affrontare questioni politiche e personali che la porteranno a mettersi in discussione.

Negli Stati Uniti il romanzo uscirà tra pochi giorni (il 14 luglio, NdR), mentre qui in Italia dovremmo attendere che rinfreschi l'aria.
Feltrinelli ,che ha acquisito i diritti del romanzo nel marzo di quest'anno, ha infatti annunciato che Go set a Watchman uscirà sugli scaffali per Natale, e la traduzione sarà affidata a Vincenzo Mantovani.

Non ci resta che attendere.
E, magari, ingannare l'attesa rileggendo Il buio oltre la siepe.

Buone letture!
Federica

Commenti

  1. Mi vergogno un po' ma non sono ancora riuscita a leggere Il buio oltre la siepe! :( Spero di riuscire a rimediare presto! :)

    RispondiElimina
  2. Ecco, vedi che questa è un'ottima occasione per recuperare? Guarda, si tratta di un romanzo perfetto, meraviglioso. Non perdertelo ancora :)

    RispondiElimina
  3. Sono davvero felice di aver letto Il buio oltre la siepe qualche mese fa, così ho bene in mente le atmosfere e i fatti per quando a Natale metterò le mani su questo seguito!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alex, a me sta venendo voglia di rileggerlo. Ho visto su Tw la copertina di Go set a watchman... però magari io il titolo non lo tradurrei XD

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…