Passa ai contenuti principali

L'ATTESA - Pamela Gotti

TITOLO:L'ATTESA
AUTORE:Pamela Gotti
EDITORE:La Piccola Volante
ANNO: 2013
PAGINE: 182
PREZZO: 12,00 €
eBOOK: si

SINOSSI. Penelope aspetta ogni notte che Lui arrivi e la liberi dalla sua prigione. Dal Padiglione A della clinica in cui è relegata e da cui ogni notte sogna di fuggire. Nel frattempo, vive e racconta. Inventa delle storie avventurose, nostalgiche e vivide per Martina, la ragazzina che non vuole parlare. Oppure elabora ingegnosi piani di fuga con Eligio, il vecchietto del Padiglione C che ha girato il mondo per i suoi studi d'etologia. Delle volte si immerge a Valencia con Lola, la donna che ha perso il suo vero volto, nei ricordi del Passato Migliore ricco di passione e risate. L'attesa è un romanzo a cornice, in cui le storie dei personaggi e i racconti fantastici di Penelope convivono e si fondono in un'unica trama. Per dar vita a un ordito prezioso, microcosmo in cui si muovono tutte le vite che le pagine riescono, per un poco, a illuminare.


RECENSIONE.

Cominciamo subito col dire che, come la maggior parte dei libri LPV, anche L'attesa di Pamela Gotti nasce da un racconto. Se faccio questa premessa è perché ritengo che permetta di capire meglio lo spirito della storia. 
Una storia che, scritta per uno dei giochi di scrittura promossi mensilmente dalla casa editrice sarda, ha cambiato forma trasformandosi nel romanzo che ho qui, accanto alla tastiera.

Ma parlare di romanzo non è del tutto esatto. Ed è per questo che la premessa è importante. L'attesa, infatti, è un contenitore di storie
Un racconto a più voci, che da la voce a una serie di personaggi (ciascuno introdotto da un capitolo personale) i quali, per i motivi più diversi, si trovano ad un certo punto catapultati nei padiglioni sporchi di disinfettante di una clinica psichiatrica.

Avevo da tempo questo titolo in wishlist proprio per la particolare ambientazione scelta dall'autrice. Sentivo che era un romanzo che dovevo leggere. 

L'aspetto che più mi ha colpito di questo pluri-racconto è stata la familiarità con cui mi ha accolta a inizio lettura. 
È stato come far visita a una vecchia amica, sedersi su una di quelle sedie da struttura pubblica, legno compresso e laminato, e fermarsi ad ascoltarla parlare. "Ti ho portato un pacco di biscotti e un succo di frutta.Come ti trovi qui? A casa manchi molto."
Cose così. Cose che, forse ad averle già vissute, ti inchiodano alle pagine per una specie di deja-vu letterario.


Per questo L'attesa è una storia che fa piacere leggere. La prosa di Pamela Gotti è fluida e carezzevole. Sviluppa la trama cullandoti, pagina dopo pagina. Basta guardare la copertina per capire cosa voglio dire: è un flusso costante e morbido di parole.

Penelope è colei che attende, ogni sera, l'arrivo di Lui. Chi sia Lui lo scopriremo solo alla fine e magari questa scoperta rovinerà un po' le nostre aspettative. È un colpo di mannaia sulla nuca della storia. 

Comunque, Penelope è la protagonista della storia ed è lei che, ogni sera, racconta a una bambina ostinatamente muta una storia. Un modo per evadere dalla vita rattrappita nella Clinica. Un'evasione che riguarda entrambe.

A seguire troviamo Eligio, Olga, Lola, Ettore, Damiano... ciascuno con una storia da raccontare, una colpa da espiare, un luogo da raggiungere. E attese, che si sommano una dopo l'altra. Attese di qualcosa o di qualcuno

Tuttavia, c'è qualcosa che, di tanto in tanto, fa inciampare la storia. Alcuni racconti e scene sembrano un po' troppo forzate e personalmente ho trovato fastidiosi e a tratti superflui i periodi tra parentesi. 

Ma il finale della storia, dolce e doloroso e, per certi aspetti, onirico, da solo fa sorvolare sulle piccole lacune, e rende il romanzo meritevole di lettura.

Romanzo o pluriracconto che è anche uno spettacolo teatrale, se vi capita, andate a vederlo :)

Commenti

  1. sembra un libro piacevole. Non lo conoscevo, però penso che in libreria avrebbe subito colpito la mia attenzione. Le cover illustrate non passano mai inosservate al mio sguardo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muriomu, purtroppo LPV è una CE lontana dalla grande distribuzione, un po' per scelta, un po' perché le piccole case editrici fanno fatica a entrare nel giro. Ma ti assicuro che la parte grafica è uno dei loro punti di forza. Nei prossimi giorni posterò i nuovi titoli presi. Ti assicuro che sfogliarli è stata una sorpresa <3

      Elimina
  2. Come al solito non lo conoscevo, ma tu mi hai convinta! *_* Sembra davvero interessante! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sian, a parte quelle piccole pecche, secondo me è una bella lettura. Poi, ovviamente, è tutto soggettivo XD ma col fatto che le big fanno "bullismo" in libreria, rischiamo di perderci vere chicche. :D

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…