Passa ai contenuti principali

Recommendation Monday #1

Recommendation Monday - A book for every week è una rubrica proposta da Strawberry di Una fragola al giorno. Ogni lunedì vi consiglierò un libro associato ad un tema sempre diverso ♥
E così ci siamo anche noi ^_^
Dopo Serena anche i prodi cacciatori di libri si associano al Recommendation Monday di Strawberry.

Vista la varietà dei temi proposti, ho deciso di partire dal primo tema suggerito da Fragola nel marzo 2014 e proseguire da quel punto.

Quindi oggi vi consiglierò...


Sono del parere che siano davvero pochi i film tratti da libri che si possano considerare ben riusciti. E, secondo me, Blindness, trasposizione di Cecità di José Saramago rientra in questa cerchia ristretta. 





Titolo: Cecità 
Autore: José Saramago
Editore: Einaudi 
Anno: 2008 
Pagine: 315
Prezzo: 12,00€
Ebook: no


Sinossi. In una città qualunque, di un paese qualunque, un guidatore sta fermo al semaforo in attesa del verde quando si accorge di perdere la vista. All'inizio pensa si tratti di un disturbo passeggero, ma non è cosi. Gli viene diagnosticata una cecità dovuta a una malattia sconosciuta: un "mal bianco" che avvolge la sua vittima in un candore luminoso, simile a un mare di latte. Non si tratta di un caso isolato: è l'inizio di un'epidemia che colpisce progressivamente tutta la città, e l'intero paese. I ciechi, rinchiusi in un ex manicomio e costretti a vivere nel più totale abbruttimento da chi non è stato ancora contagiato, "scoprono - come ha scritto Cesare Segre - su se stessi e in se stessi, la repressione sanguinosa e l'ipocrisia del potere, la sopraffazione, il ricatto e, peggio, l'indifferenza". Tra la violenza e la lotta per la sopravvivenza si inserirà la figura di una donna che, con un gesto d'amore, ridarà speranza all'umanità.

E il vostro film libresco per eccellenza qual è?

Commenti

  1. Ooooh!! Evvai! Benvenuta a bordo! :D
    Io credo che "Il miglio verde" sia insuperabile... *_*

    RispondiElimina
  2. Ciao Fede!! Concordo con Serena per Il Migkio verde un film davvero bello! Invece Blindness non l'ho visto ma ho amato tantissimo il romanzo di Saramago! Credo proprio che cercherò il film e me lo guarderò prestissimo =)

    RispondiElimina
  3. Adoro questa rubrica! *__* E non sapevo che avessero fatto un film dal libro di Saramago! *_* Mi informerò meglio!!! :)

    RispondiElimina
  4. Eh, avete ragione ^_^ Anche il Miglio verde se la cava... però... c'era qualcosa del film che non mi ha convinta proprio del tutto, mentre il romanzo mi ha coinvolta moooolto di più.
    Avrei segnalato anche Brazil di Terry Gilliam, trasposizione personalissima di 1984 di Orwell, film che amo alla follia. Ma è davvero troppo personale e ho preferito ripiegare per un film che avesse stampato anche sul titolo il nome del romanzo ^_^

    Ci sarebbe anche Fight Club, ma non avendo ancora letto il romanzo (sto per rimediare, eh! XD) non pensavo fosse corretto suggerirlo così, per sentito dire :)

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…