Passa ai contenuti principali

PORTELLO PULP Remix - Simone Marzini

TITOLO:PORTELLO PULP Remix
AUTORE:Simone Marzini
EDITORE:La Gru
ANNO: 2013
PAGINE: 116, illustrato
PREZZO: 16,00 €
eBOOK: no

SINOSSI. Carlo Benzina occupa un appartamento al Portello, a Padova. Una sera viene fermato da tre spacciatori. La loro droga è sparita. La nascondevano nella sua cassetta delle lettere. Ora sono fatti suoi! Suoi e di due degni compari: Rambo e Pacciani. Insieme escogiteranno il piano perfetto per salvarsi la pelle. Ma si sa, non esiste il piano perfetto. E se sulla loro strada troveranno lo scalcagnato circo di Piotr Illic e l'efferato gruppo anarchico insurrezionalista MOGH...



RECENSIONE.
Ci sono libri che compri, inizi e poi lasci sul comodino a sedimentare perché "non è ancora giunto il loro tempo", che fa tanto citazione biblica ed è invece uno degli "incidenti" che capita più spesso ai lettori incalliti.

Così è successo per Portello pulp remix di Simone Marzini.
Romanzo breve edito da La Gru, ho acquistato Portello pulp remix (versione a tiratura limitata con l'intermezzo delle belle illustrazioni di Emiliano Billai) quasi un anno fa a "Libri da Scoprire". Dopo averne sfogliato poche pagine l'ho depositato sul comodino, lasciandolo decantare a lungo. Finalmente, qualche giorno fa l'ho ripreso. E l'ho finito nel giro di ventiquattro ore.

Pertanto oggi, a distanza di sei mesi da quel giorno, posso finalmente parlarvi di questa storia.

E parlarvene bene.

Se lo avessi finito di leggere un anno fa, probabilmente questa recensione ora avrebbe parole diverse. Ma il fatto che lo abbia letto quand'era il suo momento lo ha reso una lettura piacevolissima. 

Sapete quando vi viene voglia di sapere come continua una certa storia? Quel bisogno di girare pagina dopo pagina, anche se è mezzanotte e, tecnicamente, dovreste dormire?
Ecco, con Portello pulp è successo proprio questo e, lasciatemelo dire, sono state le ore di insonnia meglio spese finora.

Portello pulp si sviluppa come narrazione sincopata di una serie di episodi che accadono in quel di Padova in una manciata di giorni. Episodi collegati fra di loro da sottilissimi fili rossi, tessere nervose di un puzzle vagamente tarantiniano.

Ci sono, nell'ordine: un gruppo di spacciatori che accusa un benzinaio di avergli fregato una partita di cocaina. Un tizio che si crede Rambo, un uomo innamorato di una prostituta che finisce per saltare un passaggio a livello ferroviario in groppa a un cavallo dipinto da zebra e quattro animalisti in missione per liberare gli animali di uno dei circhi più scalcagnati dell'universo... che quasi vengono sbranati da un leone imbolsito...

C'è questo e qualcosa di più nel romanzo di Marzini.

Il linguaggio è semplice, immediato, diretto. Così come lo stile. Marzini usa una scrittura veloce che accantona quasi del tutto le descrizioni a favore dei dialoghi e dell'azione.
Ci sono, ovviamente, molte scene crude che non risparmiano niente e nessuno, come vuole la narrativa pulp.
I suoi personaggi sono tipi ruvidi, aspri; antieroi che sfuggono alle distinzioni da romanzo (appunto). Non ci sono buoni nè cattivi, in Portello Pulp, ma vari rappresentanti dell'umanità spicciola. Rozzi, maniacali, pavidi, mezze calzette... sono questi i personaggi che Marzini immortala in queste pagine.

Né angeli né demoni, ma uomini con i quali scambiereste con difficoltà un saluto.

La trama, come detto all'inizio (l'ho detto? mi pare di sì ^_^) è un susseguirsi fluido e scattante di scene diversissime, azioni che si susseguono nell'arco di un paio di giorni e che arrivano, alla fine, a comporre un puzzle assolutamente perfetto, miscelando con sapienza humor nero e grottesco.

Letto nel momento giusto, con l'umore giusto, Portello pulp remix è un romanzo che merita il cinque pieno non solo per il piacere che ne ho tratto leggendolo (puro divertimento, libero da riflessioni e filosofeggiamenti) ma anche per le belle tavole illustrate da Emiliano Billai che si trovano al suo interno.

Non adatto ai teneri di cuore, e a chi da un romanzo si aspetta qualcosa di più oltre al semplice piacere della lettura.

Commenti

  1. Complimenti per la recensione :) mi hai davvero incuriosita! *_*

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…