Passa ai contenuti principali

Next TBR #1 - Baraldi, Hammett, Murakami, Saramago

"Next to be read" è la rubrica che nasce con lo scopo di aggiornarvi sui libri cartacei (ché per gli ebook ce n'è un'altra apposita), acquistati o regalati, che saranno oggetto delle mie prossime letture.



Ed eccoci a noi. Avete notato come Bel Tempo e Brutta Influenza vadano spesso d'amore e d'accordo? Io ci stavo riflettendo proprio stamattina, mentre cercavo di capire se mi facesse più male la gola, le orecchie o la testa e, intanto, grugnivo perché fuori c'era (e c'è) un sole marzolino che invitava ad uscire...

Tuttavia questo impedimento mi permette di aggiornarvi sulle ultime New Entry nella nostra libreria (no, non sto usando il plurale maiestatis ma è sottinteso che la libreria sia ormai cosa comune con Sam). 

Pronti?

E allora procediamo :)

Regalo

SONNO,di Haruki Murakami.

Perché mio fratello, non sembra, ma è dotato di una innata vena umoristica e me lo ha regalato accompagnando il dono da questa considerazione: visto che tornerai a dormire tra diciotto anni, ho pensato che fosse la lettura adatta (risate registrate).
Ma un Murakami fa sempre piacere, anche se donato per sfottere :P




Acquisto

STRIGES. LA PROMESSA IMMORTALE, di Barbara Baraldi

E finalmente ce l'abbiamo fatta! Esce dalla WL per entrare nella TBR un romanzo cui ho fatto la corte per un anno abbondante. Adoro lo stile di Barbara Baraldi, ma non sono una fan degli YA. Cos'è che mi ha convinta? I commenti entusiastici di chi, pur detestando di cuore gli YA, è rimasto incantato dalla storia qui presente. Vi saprò dire, presto.



Acquisto

SAGGIO SULLA LUCIDITà, di Josè Saramago

Anche questo romanzo era nello scaffale dei Libri-Che-Vorrei da un po' di tempo. Si tratta di una sorta di prologo a Cecità, romanzo che, se non avete ancora letto, vi consiglio di farlo immantinente.






Acquisto

L'ISTINTO DELLA CACCIA, di Dashiell Hammett

Tra gli inventori del pulp, ho scoperto Hammett grazie a un film {Ancora vivo}, scoprendo, tra l'altro, che quel film e Per un pugno di dollari sono due remake di un film più vecchio e che tutti e tre si rifanno a un romanzo di Hammett che, guarda caso, è fuori catalogo da un pezzo. Così ho ripiegato su questo, che con il blog ci sta pure bene ;)


E aggiungiamo anche due librini illustrati che bramavo da tempo (e che ho, a dir la verità, già letto)

DART FENER E FIGLIO, di Jeffrey Brown

acquistato appositamente come regalo per la nascita di Sam, che vogliamo istruirlo a dovere sin da giovane padawan al potere della lettura.








I PICCINI DI GASHLYCRUMB, di Edward Gorey

anche questo è, tecnicamente, un regalo per Sammy. Si tratta di una sorta di abbeccedario... infarcito di una dose massiccia di black humor. E poi le illustrazioni di Gorey sono un qualcosa di magico.





Per il momento è tutto. Cosa ve ne pare? Ce n'è qualcuno che avete già letto?
Aspetto le vostre impressioni ;)

"coff"

Commenti

  1. Darth Fener e figlio *_* Hai letto gli altri? Jedi accademy è qualcosa di super ahahaha!!
    Sull'onda del regalo di tuo fratello.. Ci sarebbe anche "La casa del sonno" ehehehe!! :D

    RispondiElimina
  2. Ma quanti bei libri!! *__*
    E concordo con Serena! :) Dart Fener e Figlio *___* e pure Jedi Accademy! Sono splendidi! :)

    RispondiElimina
  3. Uff... tentatrici XD

    Il prossimo post sulla wishlist sarà tutto merito vostro <3

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…