Passa ai contenuti principali

UniverSali. Il nuovo gioco di scrittura Sci-fi firmato LPV

Ci siamo. 
Nonostante la fiacca e il caldo e la pigrizia, La Piccola Volante proprio non ce la fa a vedervi con le mani in mano e non sulla tastiera. 
Vi piace scrivere? 
Se la risposta è sì, UniverSali è il gioco letterario che potrebbe far per voi.

Innanzitutto è gratuito, quindi niente onerosi oneri di segreteria e quei mezzi dubbi che attanagliano un po' tutti noi, quando partecipiamo ai concorsi a pagamento e non ci abbandona quel velato sospetto che, forse, quel racconto non lo leggerà proprio nessuno e finirà in un tritacarte e poi in un cestino e poi in una discarica e poi in un nido di gabbiano. 
Secondo, per partecipare basta inviare il racconto via mail.
Terzo, tutti i racconti inviati vengono sempre pubblicati sul sito e letti e commentati da tutti i filibustieri che nel corso degli anni hanno arrembato il vascello di LPV.



 Regolamento.

"Dieci Sali di Silicio. Si nascondono all’Altissimo. L’Altissimo non li vuole perché non sono sua creazione. Si nascondono al Maligno. Lui non vuole un mondo diverso. Un mondo diverso porterebbe nuovi mali e Lui odia la concorrenza. Si nascondono all’Uomo. Perché sono diverse. L’Uomo ha paura del diverso e per non ammetterlo odia tutto ciò che è diverso. In Dieci si cercano, di nascosto, perché insieme -se riusciranno a trovarsi- diventeranno molti di più e se diventeranno molti di più non esisterà velo in tutto l’universo, capace di tenere nascosta la guerra senza alleanze."

Art.1 – Il testo deve rientrare tra un minimo di 8.000 e un massimo di 16.000 battute.

Art.2 – I testi devono essere consegnati a info@lapiccolavolante.com entro e non oltre le ore 23:59 del 10 giugno 2014.

Art.3Neanche noi abbiamo mai visto uno solo dei 10 Sali. Non sappiamo chi siano, non sappiamo come siano. Spetta a voi disegnarli, descriverli, motivarli.
Dove sono, cosa fanno, come riusciranno e se riusciranno a ritrovarsi… è compito vostro.

Art.4 – Attenzione. Siete obbligati a vestire fantascienza. Non dirottate il genere in un fantasy, un erboso elfico… no, non potete. E vestite come credete L’Altissimo e il Maligno. Non ci sono divieti, obblighi o tabù. Ricordatevi che non adoriamo il perfettamente buono o il perfettamente cattivo. Ripetiamo per i più distratti il genere: fantascienza.

Art.5 - Le decisioni dei graduati della LPV non sono in alcun modo discutibili.

Art.6 – testi verranno pubblicati potranno essere votati dagli utenti. Tutti i votanti hanno l’obbligo di scegliere almeno tre testi e votarli in ordine di preferenza con 1,2 e 3 asterischi (*,**,***): 3 per il testo preferito, 2 per il secondo testo e 1 per il terzo testo preferito.

La singola preferenza al solo testo preferito non verrà presa in considerazione.
Le votazioni verranno chiuse alle ore 23:59 del 17 giugno 2014.


Art.7 – Con eccezione del numero delle battute concesse, gli articoli del regolamento che segna le linee generali del comportamento qui a LaPiccolaVolante rimangono valide.

Per ulteriori informazioni, cliccate QUI

Che ne dite? Accettate la sfida? ;)

Commenti

  1. *_* mi piacerebbe partecipare! Vediamo se riesco a partorire qualcosa di decente entro il 17 giugno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusy :) dai, provaci: sicura ti divertirai. Occhio però: la scadenza per l'invio è per il 10 giugno, il 17 è l'ultimo giorno per inserire le valutazioni dei racconti in gara <3

      Elimina
  2. Chissà quanti miei racconti scaldano le piume di svariati gabbiani ;)
    Bello, bello...avrei sempre voluto misurarmi col genere (di cui, lo ammetto, non ho quasi letto niente ma visto taaaaaaaaaaaaaanti film e telefilm). Non vedo l'ora di leggere ciò che partoriranno i pirati de LPV ;)
    Spero di leggere anche qualcosa di tuo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beki! Eh, sono curiosa anch'io di leggere le storie che saranno in gara. Io stavolta passo, mi si sono accumulate troppe cose da scrivere e rischio di fare confusione ^_^

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…