Passa ai contenuti principali

Che ciò che è morto non muoia mai :3

Scusate il titolo lugubre (Fan di GoT? Ci siete? ^_^)
Scusate la luuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuunga assenza (caspiterina: davvero sono passati dieci giorni dall'ultimo post? Che vergogna T_T)
Scusate questo straccetto di post (ma domani mi faccio perdonare, promesso :3)

è un periodo incasinerrimo e di fiacca. 

Incasinerrimo perché sto lavorando su un romanzo per ragazzi, che vorreiglio inviare ad un concorso che scadrà a breve (perché sono sempre l'ultima a sapere le cose?) e Loki, il gattino adottato, mi da del filo da torcere per quanto riguarda concentrazione e affini ù_ù

Di fiacca perché inizia il caldo e, da buona nata di novembre, il caldo mi mette addosso tanta, ma tanta pesantezza. Così, quando guardo il pc e penso che quella recensione o quel post dovrei proprio scriverli... ecco, il folletto del "ma-chi-te-lo-fa-fa" mi si accoccola sulle spalle e bòn, non ci riesco proprio a mettermi alla scrivania. 

La verità è che vorrei andarmene in bicicletta sulle montagne dei dintorni, ma piccoli inaspettati problemi di salute non me lo permettono. ç_ç

Ah... e poi sono al secondo dei libri di CiccioMartin (ebbene sì: ho cominciato. Il libro primo finito in cinque giorni. Poi mi hanno dovuto riattaccare le retine con l'attack, ma ora sembra sia tutto a posto XD) e quelli, beh, ti prendono quasi tutta una giornata. Cioè: io non ce la faccio a staccarmi da un capitolo (tranne quelli di Catelyn u_u lì cala un po' d'abbiocco) e se quello successivo ha come protagonista Tyrion o Arya... potrei (posso) andare avanti tutta una notte.


Comunque questo post è soprattutto per ringraziare le nuove follower, e coloro che stanno diffondendo il giveaway... 
Ma il ringraziamento più grande va a tutte voi che, nonostante il silenzio che aleggia su questo blog come tra le torri di Harrenhall, non mi ha ancora mollato. 

Domani (promesso), ci sarà un post meno sconclusionato per voi.

Buone letture! <3 

Commenti

  1. Appena sento anche una minima menzione a Martin drizzo le antenne! Sono contenta che il libro ti sia così piaciuto da non voler interrompere la lettura.

    p.s. Anche a me, con i pov di Catelyn cadeva un pò l'abbiocco!

    RispondiElimina
  2. Bentornata!! E tranquilla, mi sa che è un periodo frenetico per tutti, e poi con questo sole o ci si infiacca o si esce a passeggiare un po' più spesso, e il pc passa un pochino in secondo piano!! ^^

    p.s.: forse non te ne sei accorta, ma quando commentiamo ci appaiono gli odiatissimi Captcha...se sono dal telefono non riesco mai a commentare se ci sono :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Alex, davvero??? °_° Caspita, io odio i Captcha. Grazie per avermelo detto: risolvo subito (speriamo) :)

      Elimina
    2. Prego! Ho immaginato che non te ne potessi accorgere da sola, perché se commenti tu non te li chiede...Successe anche a me ^_^

      Elimina
  3. Bentornata! Non preoccuparti, non parliamo di periodi frenetici sennò mi metto a piangere istericamente ahahha

    RispondiElimina
  4. Ciao Fede, bentornata :*
    Ahahahah CiccioMartin! che belloooo... hai visto, una volta cominciato è impossibile smettere di leggerlo!!!! ;D per quanto riguarda la pesantezza, beh mi pare di capire che sei in buona compagnia...anch'io sono in preda all'abbiocco primaverile -__-

    RispondiElimina
  5. Bentornata!!!!! ^____^ Ho sghignazzato parecchio ;) e ti appoggio in pieno per il caldo (per me vale la stessa cosa, ma mi salva il fatto che qua più che maggio sembra ottobre! :P)

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutte ragazze. A poco a poco mi rimetto in carreggiata, promesso XD E a poco a poco passo a trovare tutte voi <3

    RispondiElimina
  7. voglio leggere anch'io i libri dai quali è tratto game of thrones ç_ç chissà se lo farò mai!

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…