Passa ai contenuti principali

ANIME ASSASSINE, MARIONETTE - Diego Collaveri

Salve a tutte, 
perdonate la latitanza, ma da qualche giorno si è installato in casa un piccolo intruso, e il blog è passato in secondo piano ^_^
Vi presento Loki, signore indiscusso dei graffi sulle mani, che sta tentando di blandire la grande gatta di casa, ancora molto diffidente riguardo al nuovo arrivato :3


Ma veniamo alle cose serie :)
Recensione lampo per Anime assassine, Marionette, raccolta di quattro racconti noir scritta da Diego Collaveri ed edita da Gds. Il libro, che ho letto grazie all'autore, è il terzo volume che ha per protagonista l'ispettore Quetti (che abbiamo già incontrato qui).

In breve:  tra vendette, inganni, bugie, chi è la marionetta e chi il burattinaio?

Titolo: Anime Assassine - Marionette
Autore: Diego Collaveri
Editore: GDS
Genere: thriller/noir
Formato: Ebook
Pagine: 130 (stima)
Prezzo: 2,49€
Voto: 

Sinossi. Quattro episodi che ci immergono nella realtà quotidiana di una città corrotta e malata, dove l'ispettore Quetti, cinico e burbero poliziotto con la sigaretta sempre tra le labbra, si trova faccia a faccia col male dell'animo umano. Un antieroe pronto a smascherare il "mostro" dietro l'anonima facciata della normalità.


Recensione

Rispetto a La vendetta del cigno nero, stavolta ammetto di aver avuto difficoltà a farmi piacere Quetti.

Ma partiamo con ordine: i quattro episodi che compongono gli altrettanti racconti della raccolta presentano tutti una trama solida e un'intreccio altrettanto soddisfacente. La soluzione dei vari delitti si snocciola senza troppa "faciloneria", lasciando al lettore il gusto di seguire i ragionamenti dell'ispettore e, al tempo stesso, di valutare la solidità e verosimiglianza delle sue interpretazioni.

I personaggi, soprattutto quelli femminili, sono ben delineati e costruiti. In alcuni casi si arriva a provare empatia per le loro sorti, in altri meno, ma nel complesso, posso dire di aver apprezzato quasi tutte le protagoniste delle varie storie.

Lo stile asciutto è una caratteristica già riscontrata nel romanzo citato e rende piacevole e veloce la lettura.

Unica pecca, stavolta, è proprio il protagonista, l'ispettore Quetti. Il burbero e cinico ispettore, in questi quattro racconti, presenta secondo me un'eccessiva vena critica nei confronti dell'alta società e del potere. Intendiamoci: non è la critica in sé, doverosa e coerente con il personaggio, ma il suo eccesso a far stancare, dopo un po', il lettore.
Per dirla semplice: ho avuto l'impressione, soprattutto in Marionette, di trovarmi su un autobus accanto a un vecchietto che non faceva altro che ripetere quanto facesse schifo la società u_u
Altro aspetto che non dava problemi nel romanzo mentre risulta "stucchevole" nella sequenza di racconti è l'atteggiamento di Quetti nei confronti dei suoi sottoposti e, per la precisione, nei confronti di Farinelli. In questo caso l'ho trovato, sinceramente, odioso e mi sono trovata a parteggiare per lo sbeffeggiato :)

Nel complesso, comunque, sebbene il mio preferito tra i volumi rimanga La vendetta del cigno nero, mi sento di consigliare questo volume a tutti coloro che amano leggere noir veloci, magari in formato digitale, dato che la raccolta ben si presta alla lettura da dispositivo.

Commenti

  1. Oddioooo che bel micinooooo :) E' stupendo!

    RispondiElimina
  2. Ohhh, Loki è adorabile!!!!!! *_______________*

    E il libro sembra interessante, anche se i racconti non mi fanno propriamente impazzire ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sian <3 e il libro... magari prova con il romanzo dello stesso autore ;)

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…