Passa ai contenuti principali

*Un libro in più* n° 3


Poffarbacco, ieri ho dimenticato di postare la MondayMark! Forse non è stata una grande idea pensare a una rubrica proprio per il lunedì U_ù

Ma almeno oggi ho qualcosa di -forse- più interessante da mostrarvi; ovvero tutti i nuovi libri che si sono aggiunti allo scaffale questo mese :3

Ma prima, una domanda: avete partecipato al #1marzocompraunlibro? Cosa avete acquistato di bello?
Io... ecco, forse mi sono fatta prendere un po' la mano... ma ho scovato al centro commerciale uno di quei pozzi senza fondo di libri ultrascontati che...
Ma cominciamo con una gradita sorpresa consegnata stamattina dal postino. Si tratta della copia di L'urlo bianco, il primo romanzo di Antonio Ferrara. Una copia autografata (non posso farci niente: adoro le copie con dedica, soprattutto se inaspettate ^_^) che si è portata dietro anche un bellissimo omaggio: La cuccetta superiore, ghost-story di Francis Marion Crawford.Oltre a essere una storia che cercavo di leggere da tempo, beh... è un libro che faceva parte della collana "I piccoli libri dell'horror" e ha un formato deliziosamente mignon. <3
Se ne volete sapere di più del romanzo di Ferrara, edito da Il Foglio Letterario, vi rimando all'articolo che ho scritto per horror.it (ClicK qui)


Il primo marzo ero decisa a iniziare la lettura del Trono di Spade di sua cicciosità George R.R. Martin. Sfortunatamente la libreria di città non sapeva di cosa stessi parlando, così ho acquistato Il pianeta dei venti, impulsivamente. E le cose fatte d'impulso sono il male =_= Chissà se ho scelto bene.
A seguire, dalla bancarella sopranominata: Il mambo degli orsi  di Joe R. Lansdale e Strappami il cuore di Chiara Palazzolo (perché mi ostino a prendere i romanzi centrali di una trilogia, ancora non l'ho capito benissimo ^_^)


E potevo lasciare allo sbando libri che sembravano schiavi in un recinto, acquistabili tra i 99 cent e i tre euro? Soprattutto dopo aver incrociato una "madre" che al figlio la strattonava perché gli comprasse L'isola del tesoro, lo trascinava via dicendogli: "ti abbiamo già comprato la macchinetta, ieri. Che ci devi fare co sta roba?" 0__________________________________________________0


Soprassediamo =_= e veniamo a noi.
Entrano in libreria: Cuore di cane di Bulgakov; La metamorfosi di Kafka; L'ospite di Dracula di Stoker e la raccolta di AA.VV. I più raccapriccianti racconti dell'orrore...

Questo marzo inizia bello carico ^____^" (e non vi ho parlato degli ebook)

E voi? Cosa c'è di nuovo sui vostri scaffali?

Commenti

  1. Sui miei scaffali purtroppo ci sono tanti libri e sempre poco tempo per leggerne quanti ne vorrei.
    Ora comunque sto leggendo "Chocolat" di Joanne Harris.

    P.S: Se vuoi partecipa la mio Giveaway ^-^/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Muriomu, anch'io tendo a prendere più libri di quelli che, umanamente, riesco a leggere in un mese.XD è più forte di me (e parlo anche dei libri presi in biblioteca).

      Mi fa davvero piacere partecipare al tuo Giveawaym vengo a farti visita <3

      Elimina
  2. Oh cielo!!! Potresti andare agli Anonimi Compratori Compulsivi di Libri ;) ahahahahhahahahahah fantastica ;)

    RispondiElimina
  3. Si chiama bulimia letteraria XD qualcuno mi aiuti! ç_ç (c'è un club dei libristi anonimi da qualche parte sul web. dimentico sempre di mettere il sito tra i preferiti ^_^)

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…