Passa ai contenuti principali

Mirto - racconto

Buon inizio settimana... scusate la latitanza, ma sono stata colta da un grave attacco di mancanza-di-voglia-di-fare-cose. Per fortuna pare che non fosse un attacco grave :P
Oggi niente MondayMark, bensì un nuovo racconto. Pubblicato su La Piccola Volante per il gioco intitolato Streghe.

Avete voglia di leggere? :D

seguitemi...
Mirto 
racconto 


«Eccola, guardate, è la strega.»
Il ragazzino non fa in tempo ad additarmi ai suoi amici; mi volto per osservarli e quelli scappano come volpi, portandosi appresso gridolini spaventati. Sorrido, vado avanti. La brocca con l’acqua è pesante e non ho tempo da perdere con bambini troppo giovani e sciocchi per essere pericolosi. Ombra gli abbaia dietro un paio di volte, più annoiata che davvero infastidita dai gesti delle loro dita sporche.
«Andiamo», le dico. Lei mi fissa, sbadiglia. Riprendiamo la salita.

Ci sono tre cose che producono biasimo, ad Altopiano: rubare, urinare in pubblico e non presentarsi alle funzioni. Soprattutto se sei donna. Soprattutto se sei vedova. Io sono donna. E sono vedova da parecchio tempo, ormai.
Mi sposai che avevo appena ricevuto il marchio della fertilità. Mio padre fu ben lieto di cedermi alla prima mano che si fermò a bussare alla porta della sua stamberga. Ma fui fortunata. Quella mano apparteneva a un uomo buono. Un uomo ben diverso dal marito che, temevo, avrei dovuto sopportare per il resto della mia vita.
La prima notte di nozze non mi prese. E non lo fece per molti anni.
«Non voglio una serva, voglio una donna con cui parlare con intelligenza», mi disse, subito dopo le nozze.
Per dieci anni studiai con lui, sui suoi libri. Prima mi insegnò a leggere e a scrivere. Poi i rudimenti dell’algebra. Infine arrivarono i testi antichi. Studiai il latino, il greco, l’arabo e altre lingue oscure, sconosciute, dimenticate. Lingue antiche. Nessuno conosceva il nostro segreto, tutti pensavano che fossi solo un ventre vuoto; che lui mi tenesse perché non facevo la buona azione di morire. Era più semplice. Fingere di essere una stupida donna inutile. Ed essere viva solo per lui.

(continua...)

***

Volete proseguire nella lettura?
Cliccate QUI

Buon lunedì!

(l'ho già detto? ^_^)

Commenti

  1. Molto bello il tuo racconto complimenti :) sono cuoriosa, ora voglio leggere il seguito ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so come ho fatto a non vedere il link sotto ^^'' comunque corro a leggere il seguito :P mi piacciono i racconti, diciamo così, stregati ^-^

      Elimina
    2. ^_^ Grazie Leb <3 Allo stesso link ce ne sono altri da leggere, con streghe deliziosamente sui generis :)

      Elimina
  2. Ciao, molto carino il racconto :) Brava!
    Mi aggiungo ai tuoi lettori fissi :) Passa da me se ti va!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e grazie! :3 Passo subito a visitare il tuo angolino <3

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…