Passa ai contenuti principali

I sette peccati capitali della lettura...Tag!

#TAGTime

Eccoci! 
Avete letto l'intervista a Cristiano Sili? Avete letto Sir Gore?
Vogliamo parlare di libri, oggi? :D
Appena raccolta dal blog Libri Mes Amours di Jane, la tag dedicata ai sette vizi capitali... librariamente parlando.

Si va?

Si va.






Avarizia
Qual è il tuo libro più costoso? Qual è quello meno costoso?

Credo che il libro più costoso sia il libro 1-2 di 1Q84. Trattandosi della prima uscita, con la copertina rigida e sovracoperta, comprato in prevendita, atteso con la bavetta dei cani di Pavlov... sì, a occhio direi che è il libro che mi è costato di più ^_^
Come meno costosi ce ne sono parecchi (penso che tutti conoscano gli economici della Newton&Compton, nel frattempo diventati Live, che per un euro porti a casa un pezzo interessante di narrativa :3), ma se devo scegliere, scelgo Una modesta proposta di Jonathan Swift, un "millelire" di Stampa Alternativa. Non posso fare a meno di rileggerlo, di tanto in tanto XD




Ira
Con quale autore hai un rapporto di amore/odio?

Stephen King, senza dubbio. Ci sono storie che non smetterei mai di leggere (Cose Preziose, per esempio, rimane uno dei suoi romanzi per me più riusciti. Al quale, ad ogni modo, mi sento più legata e che rileggo ogni tre-quattro anni). E ci sono romanzi che avrei bruciato nel camino. O passato sotto una schiacciasassi come il giudice di Chi ha incastrato Roger Rabbit? Lo odio quando tratteggia personaggi che sembrano spremuti fino alla goccia da un soggetto usato e riusato (vi dice qualcosa: uomo complessato e con problemi di alcolismo?), odio i cliché.Un esempio di romanzo che annovererei tra le storie più insulse e irritanti mai lette, e che ho portato a termine per puro spirito masochistico, è Tommyknocker (qui la recensione). King sa come scrivere una storia, sa essere uno scrittore; non è Matheson, ma è un bravo autore. Ma a volte, lo ammetto, mi fa davvero imbestialire >_<




Gola
Quale libro hai divorato e riletto in continuazione senza alcuna vergogna?

Fahrenheit 451 di Ray Bradbury. Letto, riletto, sottolineato, annotato. Batte di un pelo 1984 ma è sicuramente il libro più usato della mia biblioteca (sebbene ogni volta che devo scrivere quel titolo ho dubbi sulla collocazione delle H ^_^"). Una delle distopie più poetiche che penna abbia mai scritto. :,)





Pigrizia
Quale libro hai tralasciato o messo da parte per pigrizia?

La fiera delle vanità di Thackerary e... beh, a onor del vero, non so se più per pigrizia o per rifiuto ^_^ ma è ancora fermo a pagina 21 e non ne vuole sapere di andare avanti (da solo). 




Superbia
Di quale libro ti piace parlare per sembrare estremamente intellettuale?

La Bibbia? XD Scherzi a parte, non saprei; delle due l'una: o non sono intellettuale, o non sono un tipo che fa sfoggio di cultura per farsi bella :P






Lussuria
Quali caratteristiche trovi più attraenti nei personaggi sia maschili che femminili?

L'intelligenza. Ho sempre avuto un debole per i personaggi astuti nel senso sano del termine: quelli in grado di rovesciare una sorte avversa con l'uso del ragionamento e della logica, o delle conoscenze. Anche se, fisicamente, sono brutti come una brutta morte (presente Tyrion Lannister? Ecco.)



Invidia
Quale libro vorresti ricevere come regalo?


A prescindere che, per me, un libro regalato è il più bel regalo ricevuto. La risposta è di una banalità sconcertante: tutti i volumi del Trono di Spade. X°D {e vorrei confessarvi un segreto: a me piace un sacco la maniera leggera con cui Martin toglie di mezzo i suoi personaggi, regalandoci un sacco di parolacce. Penso sia uno dei motivi per cui GoT ha tanto fascino: la consapevolezza che nessuno è salvo, per quanto simpatico, o per quanto il lettore vi si sia affezionato.)


Se provate a rispondere anche voi alle domande del tag, fatemelo sapere: verrò a commentarvi e ci scambieremo un po' di opinioni :3

Commenti

  1. Mi ero persa questo tag, ma mi piace tantissimo!!! *___*
    E sono molto carine le risposte che hai dato )

    RispondiElimina
  2. Bellloooo questo tag ;) me lo segno da fare prossimamente...concordo con quello che hai detto su Martin, nessuno è al sicuro, noi lettori ci dobbiamo aspettare tutto l'improbabile possibile XD...

    RispondiElimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono una parte importante del mio blog. Lascia un messaggio. Grazie ♥

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…