Passa ai contenuti principali

Spazio fravaglia. Ovvero: cose che non sono libri ma sono belle lo stesso

Per il titolo più lungo di sempre, una rubrica che non lo è: lo Spazio Fravaglia, dove si parla di tutto tranne che di libri. 

Oggi, per esempio, che è venerdì (e venerdì grasso, per giunta, e ultimo del mese, perdincibacco) voglio parlarvi di un fumetto che ho letto e di un anime che ho visto.

Iniziamo con il fumetto che è A panda piace l'avventura, vol. 2 - Ansia e io, bimestrale pubblicato dalla Panini Comics. Su chi sia Panda, il panda (ma va?) disegnato da Giacomo Keison Bevilacqua, non credo ci sia molto da dire (cioè: davvero non lo conoscete?!? O_o). 
Nato come striscia web sul portale pandalikes.com, è diventato, in breve, fenomeno virale e se volete saperne ancora di più basta cliccare sul link al sito.

Dicevo. L'altro giorno, alla ricerca del Ratman gigante che ancora non si trova ç_ç mi è capitato per le mani il fumetto di Keison.
questa la copertina

Vedete, è un periodo un po' di merda cacca, questo che sto attraversando ultimamente. A tratti va su, a tratti va giù, e tutto quello che mi lascia il bioritmo è un felicissimo mal di mare. Il titolo del secondo volume, Ansia e io, nonché le immagini della copertina, li ho trovati adattissimi al mio stato d'animo del momento, così l'ho comprato.
Soldi ben spesi.
Pensavo che Panda finzionasse solo nelle strisce di poche vignette, invece mi sbagliavo (come al solito) e se non ci credete, leggetevi questo estratto u_u

la (mia) principale fonte d'ansia: la burocrazia burocratica 

A maggior ragione ho adorato il personaggio di Ansia, che Keison raffigura come se fosse un animale domestico, con dei sentimenti (se ti si appiccica addosso è perché ti vuole bene u_u) e la consapevolezza che è un animale domestico che abbiamo tutti, solo che non tutti hanno ansie così affettuose, e che ci segue da quando eravamo bambini (un po' come i daimon di un certo Pullman ^_^). 
Poi, ecco, il personaggio di Godfrey (che potete importunate su twitter @godfreybelly) manda in vacca tutte le riflessioni filosofiche, e tu ridi come una scema mentre fai colazione e l'ansia, puff, svanisce. E, insomma, ve lo consiglio vivamente. A me è piaciuto talmente tanto che, diamine, credo che ad aprile comprerò il terzo volume XD
Lupin III - Il castello di Cagliostro, invece, lo stavo aspettando da tanto tempo. 
Sono, è bene che lo sappiate, una fan del personaggio di Monkey Punch, soprattutto della prima serie, quella settantottina. Sono, allo stesso tempo, una fan di Hayao Miyazaki e tutti, -tutti-, mi parlavano di quanto fosse bello il film fatto da questo su Lupin III.

Mercoledì, finalmente, sono riuscita a vederlo.


Che dire. Potrei commentare anche solo con una faccina, questa: *__________________________*

A prescindere dal fatto che amo la tecnica e lo stile di Miyazaki, le linee fluide e i movimenti altrettanto elastici delle sue animazioni, è la caratterizzazione dei personaggi e la storia che mi ha appassionata.
Goemon c'è e quasi non si vede, Jigen, invece, parla più di una serie intera di episodi ^_^ (e forse l'unica cosa che disturba è il doppiaggio, per chi lo associa ormai alla voce di Sandro Pellegrini :,( )
Anche Zenigata non è solo una macchietta comica, come accade negli ultimi OAV sul ladro giapponese =_=, ma un dignitoso ispettore di polizia scaltro e intelligente. Magari non sarà in grado di pilotare un elicottero a razzo, ma sa mettere in scacco l'ONU, se ne trova la ragione ^_^, e se per farlo deve allearsi con la banda di Lupin, non ci pensa due volte :)



Fujiko qui non è solo una fanciulla molto procace che non sa cavare un ragno da un buco, ma una tostissima guerrigliera che nel film usa l'intelligenza e le sue abilità  di killer per raggiungere il suo obiettivo.

e anche un bel po' di ironia

Che dire poi della scena più bella di tutte: l'inseguimento iniziale sulla 500 gialla e truccata come una Ferrari? No, davvero, che dire? (se non che anche Spielberg si emozionò a guardarla?)



C'è tanto Miyazaki anche e soprattutto nella meccanica del castelli di Cagliostro, ricco di marchingegni, stanze segrete, ponti mobili e botole che fanno precipitare in catacombe da cui è impossibile sfuggire. E nelle armature polimorfiche delle guardie del corpo del conte.



Per finire, citazioni a gogò e rimandi al cinema (per es. la scena di Lupin che finisce negli ingranaggi del mulino) e alla mitologia (Nausicaa e Ulisse). Amore, magia, mistero, avventura e un finale strappalacrime con Zazà che ha la più bella battuta che gli sia mai stata data :,)



Diretto nel 1978, il film non accusa un anno, e lo consiglio a tutti :)


Qui il link a Wikipedia, per saperne di più ;)
Docmanhattan ne ha parlato (meglio di me) qui

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…