Passa ai contenuti principali

Spazio esordienti. Respiro tagliente - Roberto Ricci

Inizierò questa recensione come se stessi per raccontarvi una favola. 

"Tanto e tanto tempo fa, quando il blog non si chiamava ancora così e io ero più giovane di almeno un anno e la costanza era, per me, solo un nome di donna un po' demodé, un autore mi contatto perché recensissi il suo lavoro. Accettai.
Poi accaddero tante cose. 
Alcune belle. 
Altre brutte.
Altre noiose. 
Il blog cambiò nome tre volte e lo abbandonai.
E la recensione non venne fatta." 

Fino a oggi.


Così, sperando nella pazienza dell'autore, oggi vi parlo del suo lavoro. Che ho riletto in questi giorni per confermare la buona impressione che ne ebbi a suo tempo. Il periodo non è nemmeno casuale e forse Roberto mi perdonerà per la latitanza: infatti so che in questi giorni sta per uscire una nuova raccolta di racconti pubblicata da una C.E. mentre è già stato dato alle stampe un fumetto tratto dal suo racconto d'esordio contenuto nella prima antologia, Respiro Tagliente. Insomma, capita a fagiulo, come dicevano i contadini nell'ottocento ^_^

Quattro racconti, dalle tinte gialle e noir. L'accendino insanguinato: Una maschera da teschio, l'unico apparente particolare che lega tra loro le vittime di un misterioso assassino.
Il cappotto: Un ristorante. Uno scambio al guardaroba. Un maniaco assassino.
L'inquietante nottambulo: Una ragazza è convinta che il nuovo inquilino del piano di sotto sia il maniaco che ha ucciso tre donne, mutilandole sadicamente. Quando deciderà di seguirlo si troverà immersa nel più assoluto terrore.
Il leader: un gruppo di partecipanti a un corso di "leadership" si riunisce in una villa isolata nella montagna umbra. Inizierà una lunga catena di delitti. Per sopravvivere dovranno scoprire l'identità dell'assassino che si nasconde tra di loro.

Respiro Tagliente è una raccolta di quattro racconti lunghi, tra i quali Il cappotto  che, nel 2012 vinse il concorso "Racconti per Corti" e premiato al LuccAutori nello stesso anno. 
Si tratta di una antologia spiccatamente noir che fa sua una certa filmografia propria degli anni settanta e ottanta e vi aggiunge un pizzico di humor nero, sottile e tagliente. 
Ogni racconto è strutturato come se si trattasse della sceneggiatura di un film, con visioni in soggettiva dell'assassino, lunghi piani delle scene di fuga, panoramiche di ville lussuose, fermo immagini sulle espressioni delle vittime un attimo prima che la lama affondi nei loro corpi. 
Quattro racconti che sembrano altrettanti corti, tutti dal sapore un po' antico delle vecchie pellicole messe sul proiettore, con gli immancabili guanti neri doveroso omaggio ad altri guanti usati da Dario Argento come indumento principale per gli assassini dei suoi film.
Roberto Ricci adotta uno stile lineare, diretto, con trame che prendono come spunto il giallo classico, l'assassino che potrebbe essere il vicino della porta accanto, l'oggetto del killer capitato per caso nella mano dell'ignaro avventore, il capo che gioca a nascondino confondendosi tra i suoi seguaci e sue prossime vittime. 
Una raccolta che, già a suo tempo, avevo ritenuto di piacevole lettura, sebbene meritasse un più approfondito lavoro di editing. E che oggi, a distanza di mesi, si riconferma un lavoro tutto sommato gradevole e interessante.

Voto:



L'AUTORE
Roberto Ricci nasce ad Ancona nel 1963, dove tuttora risiede e svolge la professione di parrucchiere. Grande appassionato di cinema italiano anni 70-80, spera di riuscire a girare un cortometraggio, per il quale ha già pronto il soggetto. Respiro tagliente è il suo primo lavoro.Sta per pubblicare il suo primo romanzo.


Il cappotto - corto realizzato dalla Scuola di cinema Immagina di


Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…