Passa ai contenuti principali

Due interessanti iniziative firmate dbooks e Il foglio letterario

Oggi voglio parlarvi di due belle iniziative che, seppure diverse per forma, sono un incentivo alla diffusione della lettura, soprattutto alla scoperta di autori e storie che sono un po' al di fuori della grande distribuzione e che spesso, senza una valida ragione che non sia la "moda", non vengono considerate pari a un qualunque romanzo o volume pubblicato da una casa editrice "famosa".
Vediamo cosa hanno pensato per noi loro lettori la Dbooks e Il Foglio Letterario :3

Dbooks.it, la casa editrice specializzata in letteratura digitale, in occasione della pubblicazione di La legge del lupo, il secondo romanzo della serie Duepercento di Luigi Lo Forti offre la possibilità di scaricare il primo romanzo della serie con questa interessante formula: prima lo leggi, poi lo paghi.
In pratica, fino al 15 febbraio potrete scaricare gratuitamente dal sito dell'editore (clikka qui) il romanzo, nel formato che preferite (ePub, mobi, pdf), e leggerlo comodamente sul vostro dispositivo (senza la necessità di iscrivervi al portale, badate bene). Al termine della lettura tornate sul sito e scegliete quanto pagare il romanzo (si va da un minimo di 0,99€ a un massimo di 7,50€), in assoluta libertà, commisurando il prezzo all'effettivo piacere della lettura.

Sinossi. Quando Marco Donati accetta - nemmeno lui sa esattamente perché – l’inaspettata offerta di lavoro della piccola società di consulenza Bag & Leir, tutto ciò che crede di avere trovato è un impiego strano e mal pagato: sempre meglio che continuare a fare il precario cronico, in ogni caso. Gli basterà davvero poco, però, per scoprire che a volte, non sei tu a trovare il lavoro, è il lavoro che trova te. Magari non è proprio quello che avresti immaginato. Magari non lo volevi nemmeno. Magari, è qualcosa di più di un lavoro. Potrebbe avere a che fare con il caso e la necessità, il libero arbitrio e la predestinazione. Addirittura, potrebbe essere una questione di vita o di morte. Così, senza nemmeno accorgersene, giorno dopo giorno, Marco si ritrova coinvolto in una sfida per aggiudicarsi il destino di un uomo che è molte cose, ma nessuna degna di nota: scrittore fallito, libraio in bolletta, fidanzato indeciso, pessimo corridore. Eppure, c’è perfino chi lo vuole morto…Duepercento è un libro su quello che può (o deve) capitare a un uomo perché possa (o debba) essere libero di diventare se stesso. Anche se forse non gli converrebbe…

Il Foglio Letterario, invece, ha da offrire a tutti voi, lettori delusi dalla chimera del bonus libri, la possibilità di acquistare dal proprio catalogo (clikka qui) tre volumi a un prezzo dimezzato.

Permettemi, a questo punto, di suggerirvi tre titoli ;)

L'ingrato, di Sacha Naspini. Ne abbiamo parlato sabato, di questo autore. L'ingrato è il suo romanzo d'esordio e io sono una convinta che per conoscere un autore, conoscerlo bene, lo si debba leggere dall'inizio :)

Questa sono io, di Federico Guerri è un romanzo che ho nella lista dei "da leggere". Sarà per la copertina, o per quello che c'è dentro le pagine. Però la sinossi mette una gran curiosità addosso, non trovate?
Sinossi. Laura Prete - ex reginetta di bellezza, ex soubrette, ex inquilina della più famosa Villa della televisione, attuale fidanzata d'Italia e direttrice di una Scuola per lo Spettacolo - ha sparato in testa, in diretta televisiva, al più rispettato showman della nazione. Il pubblico, incollato al teleschermo, si sta chiedendo: perché? E Laura, in questo romanzo, ci dà le sue risposte. Purtroppo, però, conoscerete tre Laure e ognuna, a turno, vi consegnerà la sua verità.

E visto che non di sola narrativa vive il lettore onnivoro, concludiamo con un bel saggio sul cinema horror italiano. Storia del cinema horror italiano - da Mario Bava a Stefano Simone (vol. 4) di Gordiano Lupi è la discesa verso quella che potremmo considerare la fase finale del cinema di genere nostrano. Il saggio prende in considerazione gli anni ottanta e registi come Lamberto Bava, Sergio Martino, Michele Soavi e altri. Un must have per gli appassionati del genere ;)





Buone letture.

Federica

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…