Passa ai contenuti principali

Ebook Corner. L'angoletto del libro digitale n°1

Premessa. Nella diatriba tra gli ebook lovers e i feticisti della pagina di carta, qui sotto, qui in cantina, ci poniamo esattamente a metà. Il libro stampato è come la tomba di un caro amico: sai dove trovarlo quando vuoi scambiarci due chiacchiere, puoi accarezzarne la foto, posarci su fiori o ricordi. L'ebook è, seguendo la metafora, come se quel caro amico avesse deciso di farsi cremare e disperdere le ceneri in mare aperto. Non potrai mai più vederlo, fisicamente, ma sai che c'è. Impalpabile ma presente. Chi obietta "ma non sarà mai tuo", forse dimentica che anche con il prestito bibliotecario, di fatto, quel libro non ti apparterrà mai. Forse bisognerebbe farne meno una questione di possesso e più di possibilità di lettura. Le cose viscide che si annidano tra le pagine dei manoscritti impregnati di muffa, qui giù, sono del mio stesso parere. 

Per quanto mi riguarda, con un ereader (kindle, kobo, altra marca che sia) c'è solo un rischio evidente: quello dell'acquisto compulsivo. Sarà, immagino, per l'immediatezza dell'acquisto che si traduce in tre semplici gesti: compri-scarichi-leggi. Ma è un rischio che sono pronta a correre. /Premessa

Sigla!
Ovvero: ebook letti, recensiti per voi. Tipo quando capita



Per gli appassionati dello slasher del sabato sera

Il primo ebook che vorrei consigliarvi è Il buono, il bruto e la bionda  di Cristiana Astori. Disponibile in formato epub, fa parte della collana Coffee Cup, MilanoNera editore.

Il buono, il bruto e la bionda. Cristiana Astori. MilanoNera. 13pp. 0,90€
Dell'autrice in questione abbiamo già parlato in altre due occasioni (Qui per rinfrescarvi la memoria) e questo mini ebook (13 pagine, lo spazio di un racconto) conferma il giudizio espresso mesi fa. Cristiana Astori è una scrittrice e una cinefila che conosce bene entrambe le cose: cinema e scrittura.
Il buono, il bruto e la bionda, -lo preannuncia la maschera di Scream in copertina-, è un racconto slasher che, proprio come la pellicola di Wes Craven, non rinuncia a una buona dose di thrilling ma la mescola sapientemente con il giusto grado di black humor.

Sinossi. Chi l'ha detto che i film dell'orrore sono buoni solo per discutere sui forum tra nerd? Kevin e Jeff hanno un piano diabolico: utilizzare la loro conoscenza enciclopedica del genere per portarsi a letto la ragazza più popolare della scuola.

Giudizio.  



Fantascienza e sentimento

Barbara Baraldi (Striges, La serie di Scarlett...) ha scritto anche sci-fi, lo sapevate? Per la collana Robotica di DelosDigital ha firmato questo Paziente 99. 


Paziente 99. Barbara Baraldi. DelosDigital. 37pp. 1,99€
Trama. In un mondo in cui l'umanità è stata costretta a scendere nel sottosuolo, Asia, medico e ricercatore, sembra essere l'unica chiave per scoprire il mistero che si nasconde dietro il paziente 99 e la terribile mutazione genetica che sta diffondendosi tra l'umanità superstite come un'oscena epidemia.

Un racconto di fantascienza, un post-apocalittico personalissimo, in cui lo stile e la personalità di Barbara Baraldi erompono con forza; una trama ricca di colpi di scena e poesia, passione e illusione, fino all'ultimo, decisivo, catastrofico atto finale.

Giudizio. 





E voi? Quali pagine elettroniche state sfogliando in questo momento?

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…