Passa ai contenuti principali

Il Cuore di tenebra della Giunti Y

Buondì. Spero che il nuovo giorno sia buono almeno per voi, visto che mi sono svegliata più fracica* di una mozzarella blu, con tanto di febbre che è venuta a farmi compagnia per solidarietà.
Stanotte, mentre covavo i sintomi dell'influenza ritardata, ho fatto un incubo: ero in libreria, una libreria per giovani, fatta di giovani (nb. secondo l'Istat io non sono più giovane, avendo ormai diritto alla pensione di anzianità per i miei 28 anni suonati) dove sugli scaffali c'erano le riedizioni YA della Divina Commedia, di Dracula, di 1984, di I viaggi di Gulliver, di Cuore di tenebra ecc... ecc... con le loro copertine tutte nuove e sgargianti e pieni di effetti blur...
La copertina della Divina Commedia raffigurava un Dante a torso nudo che sudava abbestia arrampicandosi sulla schiena glabra di Lucifero e Virgilio sotto che lo incitava, nella sua tipica tenuta da yodeler. Su quella di Dracula un giovane, con gli occhi cerchiati (per il pianto, non per l'anemia), e la bocca sporca di sangue offriva alla lettrice una rosa bianca (macchiata di sangue, ecchediamine Dracula, mettiti un bavaglino!). 1984 era invece proposto da una coppia di giovani che si baciavano sotto gli occhi vigili del manifesto di un guardone mentre la cintura rossa di lei fluttuava nell'aria verso il lettore. Per I viaggi di Gulliver un tizio a torso nudo e di spalle, stava a gambe larghe su una spiaggia (di difficile e molteplice interpretazione la cosa), e a metà gamba un nutrito gruppo di fanciulle in miniatura faceva la ola al gigante (dai che ce le puoi fare!); Cuore di tenebra, infine, vedeva in copertina tanta giungla e un uomo facilmente nudo, fresco di pulito come un testimonial della Vidal, che guarda fiducioso verso il domani (o verso la tizia in topless sdraiata sulla spiaggia pronta a voltarsi).
Risvegliatami dall'incubo in una vasca di sudore per la paura e l'effetto dell'antibiotico, ho ringraziato il cielo che fosse tutto un sogno. Cioè, quasi tutto. Che almeno una delle copertine era/è vera. 
Grazie a Malitia di Dust in Wonderland per avermi fatto conoscere questa perla ->qui<- il suo gustoso post sulla triste vicenda.
La vera copertina è quella di Cuore di tenebra, dell'ormai morto Joseph Conrad.


Copertina in cui, senza apparente motivo e senza alcun collegamento con la storia, si spara una bella posa l'attore Josh Holloway di Lost.
Dici: e vabbè, è una copertina come tante! Perché ti scaldi tanto?
Se non avessi letto Cuore di tenebra, probabilmente a quest'ora starei a letto, coccolando la mia influenza. Ma visto che so di cosa parlo, ci terrei a chiedere lumi al grafico della Giunti Y sul perché, tra tante interpretazioni da dare alla storia, ha scelto proprio quella Harmony.
Forse perché (ma è solo una mia fluttuante ipotesi) alcune CE hanno una visione della donna alfabetizzata come un essere mitologico, metà donna e metà zitella, sola concubina in un harem di libri, peraltro con ogni probabilità diversamente bella, e con scarse, irrilevanti speranze di trovare un uomo. Allora ci si siede in circolo, sul tavolino circolare, e si ha la pensata: mettiamo sulle copertine dei figaccioni spelati, spruzziamo i libri di testosterone e lasciamo alla natura il resto. Le donne, naturalmente attirate dall'uomo ammiccante sulla copertina, dall'odore di maschio, correranno in massa a comprare il libro. E l'editoria sarà salva.
Forse.

"A ben vedere la conquista della terra non è poi gran che, dato che si riduce a depredare coloro che hanno un diverso colore della pelle o il naso un po' più schiacciato del nostro. ... Il loro obiettivo era quello di strappare dalle viscere della terra i suoi tesori e, in questo compito, non erano sostenuti da intenzioni morali superiori a quelli che animano uno scassinatore" J. Conrad - Cuore di tenebra. (vi sembra in sintonia con l'immagine in alto?)

Se proprio volevate qualcosa di impatto, potevate mettere ad ammiccare Marlon Brando in copertina.

Che in Apocalypse now aveva un bel total smooth look.


AAA aggiornamento dell'ultim'ora. Vista la campagna di pernacchie su blog, facebook e twitter sono lieta di allietarvi con questa notizia: la Giunti Y c'ha ripensato, ancora non si sa come sarà la nuova copertina. Spiace un po' per Josh Holloway che non vedrà se stesso immortalato come Kurtz. Piangiamo di gioia. Amen.

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…