Passa ai contenuti principali

Accabadora. Michela Murgia. LaRecensione

Titolo: Accabadora
Autore: Michela Murgia
Editore: Einaudi
Tipo: romanzo
Pagine: 166
Edizione: 2009
prezzo: 18€
ISBN  9788806197803

Non leggo, per principio, best sellers. Lo so, non tutti condividono una impostazione del genere, ma i best sellers li evito come la peste. Per lo stesso motivo non vado a vedere film che ricevono da critica e pennivendoli lodi sperticate. E per l'identico motivo guardo con sospetto ai libri muniti di fascetta, ai film pieni di applausi sulle locandine.
Sarà perché, ogni volta che ho addentato un film o romanzo del genere mi sono trovata a masticare bocconi amari e a sputarli senza ritegno.
Dice: invidia dell'aspirante?
No: semplice constatazione che, più una cosa viene spinta dall'industria letteraria (argh!) o cinematografica, meno è consistente il suo valore. In fondo, se un oggetto è bello e meritevole trova da solo il suo pubblico senza bisogno di spinte e spintarelle mediatiche.
Ovviamente ogni tanto mi capita di sbagliare. E allora leggo il best seller ammettendo le mie colpe. Ogni tanto succede.
E' successo con Accabadora, libro preso in prestito dalla biblioteca comunale e terminato in un paio di giorni. 
Fluida la scrittura della Murgia, musicale. Più che un romanzo un racconto lungo, che narra la storia di Maria, figlia ultima e non gradita di una vedova che un po' fa il verso a Mazzarò, il contadino protagonista della novella di Verga La roba. Maria viene ceduta in adozione a Bonaria Urrai, che ufficialmente fa la sarta nel piccolo paese di Soreni ma che, in realtà, viene cercata dai paesani anche per altri servizi quando il tempo è troppo lento e l'agonia si fa intollerabile.
Bonaria Urrai (Tzia Bonaria) è un'accabadora, una figura simile ed equivalente all'ostetrica: tanto questa aiuta la nascita alla vita quanto quella la nascita alla morte. Maria è, insieme ai giovani del paese, una delle poche a ignorare il segreto della sua madre adottiva e quando lo scopre, nel modo meno piacevole possibile, accusa Tzia Bonaria di essere né più né meno che un'assassina e fugge dal paese e dalla casa che l'ha ospitata per tanti anni cercando una nuova vita a Torino.
Ma neanche così lontano riuscirà a trovare la pace e quando riceve da una delle sorelle la notizia che Bonaria è irrimediabilmente paralizzata, vittima di un ictus, torna indietro, per prendersi cura del fisico e dello spirito della donna che, nonostante tutto, ama come una madre. E si troverà ad affrontare una scelta, in bilico tra pietà e rigore morale.
La Sardegna è quella degli anni Cinquanta, un periodo a metà di un secolo, un'Italia in attesa di varcare la soglia della modernità, ancora aggrappata a riti ancestrali, vita contadina, credenze radicate nel tempo e nella terra.
La Murgia ha uno stile scarno e poetico, leggere questo lungo racconto è stato come leggere un libretto d'opera. Bella la figura di Tzia Bonaria quanto rigida e umana quella di Maria, nome non casuale, dato che la prima immagine che viene in mente leggendo queste pagine è la figura della Pietà di Michelangelo.
Alla storia principale se ne intrecciano altre, che raccontano di superstizioni e fatture, di furti e orgoglio, di scuole di campagna e di bambini distrutti dal silenzio e dalla paura degli adulti.
Un racconto lungo complesso come un romanzo breve, una lettura piacevole che lascia dentro qualcosa.
Voto dei mostrilli: 

Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…