Passa ai contenuti principali

Novità in libreria. Yoani Sanchez. In attesa della primavera. Gordiano Lupi

Dati i miei trascorsi di laureata in Scienze Politiche, ogni tanto fa piacere scrivere di cose che esulano dalla narrativa e trattano argomenti di seria attualità. Oggi l'occasione per dimostrarmi persona matura è data da una novità in libreria. E' uscito il 24 aprile, per la edizioni Anordest, Yoani Sanchez. In attesa della primavera, di Gordiano Lupi. 
Titolo: Yoani Sanchez. In attesa della primavera
Autore: Gordiano Lupi
Editore: edizioni Anordest
Pagine: 230
Prezzo: 12,90€
ISBN 9788896 742778
Lupi, già curatore per la Stampa della versione italiana del blog della Sanchez, Generacion Y in questo libro ne racconta la vita, che può riassumersi in una lotta continua e tenace contro il regime castrista, in una Cuba che, vissuta da cubano e non da turista, è l'opposto dell'isola allegra e spensierata che il governo tenta di esportare all'estero.

Attraverso le sue denunce e il suo blog, nonostante le continue minacce del regime, la Sanchez continua caparbia a dichiarare il suo amore per Cuba, per una Cuba libera che sappia trovare da sola la forza per riscattarsi da sessanta anni di oppressione. 

In questo senso va letto il titolo: la primavera che la Sanchez aspetta non è quella metereologica ma quella politica, sia essa quella recente, condotta dalle popolazioni del mediterraneo orientale, che quella storica, sicuramente più significativa vista nell'ottica cubana. La primavera di Praga, il tentativo, messo in atto da Alexander Dubček nel 1968 di realizzare un "socialismo dal volto umano", primo passo verso la liberalizzazione della vita pubblica e privata dal punto di vista delle libertà individuali e collettive. La primavera di Praga, nonostante la devastante risposta dell'Unione sovietica, fu il primo e più importante moto di liberazione ed emancipazione messo in atto da un paese all'epoca sottoposto al rigido controllo della Russia socialista.

"Attraverso Yoani, però, sono stati soprattutto i lettori italiani a vivere l’altalena di frustrazioni e piccole e grandi conquiste che caratterizzano la vita quotidiana sotto uno degli ultimi regimi comunisti al mondo. Yoani ha storie da raccontare che colpiscono chiunque, dal presidente degli Stati Uniti alla gente comune". dalla presentazione di Mario Calabresi

Chi è Yoani Sanchez. Nel 2000 si laurea in filologia all'Università dell'Avana. Nel 2007, dopo il suo
rientro a Cuba (nel 2002 era emigrata in Svizzera), fonda Generacion Y, blog in cui pubblica quotidianamente storie di vita cubana, con una particolare vena critica nei confronti del regime. In Italia il suo blog è curato da Gordiano Lupi e pubblicato da La Stampa sul sito del quotidiano (LaStampa.it/GeneracionY). Perseguitata per la sua attività di blogger anticastrista, ha ricevuto nel corso degli anni numerosi premi e riconoscimenti sia negli Stati Uniti che in Europa. Nel 2008 il TIME l'ha inserita nella lista delle 100 persone più influenti al mondo e può essere considerata, di fatto, la personalità cubana più nota dopo Castro. Nel 2012 è stata candidata al Premio Nobel per la pace.

Gordiano Lupi Direttore Editoriale delle Edizioni Il Foglio. Collabora con La Stampa di Torino come traduttore del blog di Yoani Sánchez. Direttore della collana di narrativa latinoamericana Celebres Ineditos di Edizioni Anordest*.Scrittore di romanzi noir, saggi e monografie sul cinema italiano degli anni settanta. Il suo sito: www.infol.it/lupi


Appuntamenti: Yoani Sanchez sarà in Italia per la presentazione del libro domenica 28, ore 19, al Festival del Giornalismo, Perugia.

Lunedì 29 a Torino - ore 21 - Circolo dei Lettori con Mario Calabresi e Piero Fassino che conferirà la cittadinanza onoraria all'autrice.
Martedì 30 a Monza - ore 17 - Teatro Manzoni - organizza Il Cittadino


*queste note sono state prese dalla biografia presente sul sito di Lupi




Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

PARANOIAE. Giulio Rincione (batawp) - Recensione

Disclaimer. Se siete tristi, desolati, tutto questo non fa per voi.

(non è da qui che...)Alan ha un mostro nella pancia. Una creatura abominevole che gli sta acquattata nello stomaco e si alimenta di lui, succhiandone la vita un po' alla volta.
Alan vive in un loop, nella routine dell'esistenza, aspetta Emily che prima o poi ritornerà, che forse non se n'è mai andata che forse è già andata via. (Da quando?)
Alan ha chiuso tutti fuori, dentro resta solo lui, lui col suo mostro, e il mangime che gli dà per farlo stare quieto non è più sufficiente. Il mostro ha fame. E vuole che Alan lo liberi. Fuori. Dentro.

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…