Passa ai contenuti principali

Il taccuino di Hector Belascoaran. Paco Ignacio Taibo II. LaRecensione

Mentre in casa si continua a dar fuoco alla legna (il camino acceso ai primi di Aprile credo sia un record), sul comodino languono romanzi già finiti che aspettano la dovuta recensione.
E' il caso di Il taccuino di Hector Belascoaran, che non è proprio un romanzo ma una raccolta di tre romanzi brevi che hanno per protagonista Hector Belascoaran Shayne, detective messicano indipendente, che parte come ingegnere e finisce a dividere uno studio investigativo nel DF (Città del Messico) con un tappezziere e un idraulico che occasionalmente lo aiutano nelle sue indagini. 

Titolo: Il taccuino di Héctor Belascoaran
Autore: Paco Ignacio Taibo II
Editore: Il Saggiatore
Genere: giallo messicano
Tipo: raccolta di romanzi
Pagine: 261
Prezzo: 10€
ISBN 9788856503302

Come dicevo, Il taccuino non è un romanzo ma una raccolta di tre differenti romanzi che hanno come protagonista l'investigatore orbo e claudicante creato da Taibo II. 
Il primo romanzo è Fantasmi d'amore (Amorosos fantasmas in lingua originale): la storia si sviluppa attorno a una doppia indagine, la ricerca dell'omicida di un luchador e la ricerca della verità sul suicidio di una ragazzina troppo idealista per poter vivere nel DF.
Il secondo romanzo, Sogni di frontiera (Sueños de frontera), vede Belascoaran impegnato a seguire dentro e fuori la frontiera con l'America una sua vecchia amica del liceo, attrice di telenovelas, per conto della figlia di lei.
Con l'ultimo, Svaniti nel nulla (Desvanecidos difuntos), Belascoaran riceve l'incarico di trovare un morto, un morto che cammina ma che non è uno zombie piuttosto la vittima di un omicidio che non c'è mai stato e per il quale è finito in carcere un insegnante membro del sindacato.

Se dovessi fare una graduatoria dei romanzi letti metterei sicuramente Sogni di frontiera sul gradino più basso del podio: è lento e vagamente inconcludente, e sebbene l'inconcludenza sia una delle caratteristiche che amo di più nella serie di Belascoaran Shayne, quella particolare storia è stata più scialba e piatta delle altre. 
Sia Fantasmi d'amore  che Svaniti nel nulla, invece, mi hanno lasciato un buon ricordo, oltre a farmi passare con piacevolezza un paio d'ore. Il primo è ricco di pessimismo filosofico, quello che porta Shayne a vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto ma a considerarlo un "dato di fatto", una sorta di sfondo messicano impossibile da cancellare. Svaniti nel nulla termina, invece, con [SPOILER] una inaspettata vittoria (forse una delle prime vere vittorie di Belascoaran) [/SPOILER]

Paco Ignacio Taibo II è uno degli scrittori che apprezzo di più, anche se in realtà credo che sia l'essere scrittore e messicano a dargli quello stile che te lo rende subito amico e che ti fa rimpiangere sempre di essere arrivato alla parola fine di uno dei suoi romanzi. L'ironia, lo humor nero, il pessimismo filosofico sempre declinato in chiave ironica sono gli elementi portanti dei romanzi di Taibo II e, in particolare, degli scritti che hanno come protagonista il suo detective.

Ricordandovi che questi romanzi sono "gialli", ma in senso molto libero, perché servono principalmente a Taibo II per denunciare, descrivere e irridere la corruzione, la povertà, quel particolare legame tra narcotrafficanti e polizia e potere che atterra il Messico e lo inchioda alla frontiera, vi invito a leggerne anche solo uno: non ve ne pentirete (...almeno spero ;))

Il giudizio complessivo è...




Commenti

Post popolari in questo blog

INTERVISTA A VITO DI DOMENICO. PRIMA PARTE. ALTRISOGNI E IL RUOLO DEL CURATORE DI ANTOLOGIA

Dopo aver partecipato alla realizzazione e al lancio di Altrisogni vol. 3, antologia digitale edita da dbooks.it (e che vedete nella colonnina a destra del blog), ho più volte pensato che sarebbe stato interessante fare quattro chiacchiere con Vito Di Domenico, che dell'antologia è il curatore, sui suoi molteplici ruoli inAltrisogni.

Poi le cose si sa come vanno, e le quattro chiacchiere si sono trasformate in un bel discorso sull'editoria, dalla nascita di un progetto tentacolare come Altrisogni, al ruolo di curatore di antologia a quello di editor, passando poi per lo stato della narrativa fantastica italiana per arrivare a ciò che può rendere uno scrittore wannabe uno scrittore senza aggettivi a fargli da coda. 
Mi è sembrato quindi necessario, considerate la densità delle risposte, suddividere l'intervista in due parti. Ché qui vi si vuole coinvolgere, non far fuggire. 
E, credetemi, di cose interessanti da leggere subito dopo il mio vano sproloquio, ce ne sono parecc…

MINE-HAHA - Frank Wedekind

In breve: frammenti di una vita confusa con il sogno

Titolo: Mine-Haha ovvero Dell'educazione fisica delle fanciulle Titolo or. Mine-Haha oder Uber di koerperliche Erziehung der junge Maedchen Autore: Frank Wedekind Traduttore: Vittoria Rovelli Ruberl Editore: Adelphi Edizione: 2005 (I ed. 1975) Tipo: romanzo Genere: formazione/fantastico pagine: 124 Prezzo: 8,00€ ISBN:9788845920400 ebook: no
voto: 
Sinossi. In un grande parco, disseminato di case basse coperte di rampicanti, centinaia di fanciulle vengono educate a sentire il proprio corpo, a farne uno strumento di assoluta, armoniosa eccellenza. Il mondo esterno non ha alcun contatto diretto con questo parco, ma lo finanzia, in attesa di accogliere le fanciulle che vi sono ospitate. Perché?
Misterioso e trasparente come il suo titolo – un nome indiano di ragazza, che significa «acqua ridente» –, Mine-Haha è il racconto più perfetto di Wedekind e insieme l’unica opera dove tutti i suoi fantasmi convulsi e invadenti sembrano essersi congiunti e…

DINOSAURIA, Aa. Vv. - Recensione e Intervista agli autori

A chi non piacciono i dinosauri? Creature gigantesche, per certi aspetti ancora misteriose, che si portano appresso un nome sbagliatissimo, ora che sappiamo con ragionevole certezza che con le lucertole c'entrano ben poco.

Il mio primo incontro con un dinosauro è al cinema. Me ne sto tranquilla a ingozzarmi di dolci quando vedo, nella tenda alle spalle di mio fratello, profilarsi la sagoma di un velociraptor. E, all'improvviso, divento tutt'uno con la gelatina che sto mangiando. Be', forse non ero proprio io...
Pur con le sue falle scientifiche, Jurassic Park è quel film che ha cresciuto orde di ragazzini nel sogno di diventare paleontologo (con la segreta speranza di ritrovarsi, un giorno, faccia a faccia con un raptor), salvo poi scontrarsi con realtà che, come suo solito, mentre viaggiate spensierati sulla strada dei desideri vi ci costruisce a tradimento un bel muro di mattoni belli pesanti, e si mette di lato osservando come i vostri sogni vanno in frantumi.
Succede…